Bandidos

Bandidos è un film western del 1967 diretto da Massimo Dallamano.

Trama

Le bande del pistolero Billy Kane e del messicano Vigonza assaltano un treno a bordo del quale sta viaggiando Richard Martin, un pistolero che si guadagna da vivere esibendosi come tiratore. Kane, che un tempo è stato suo allievo, lo disarma e poi lo ferisce alle mani in modo da non consentirgli di impugnare mai più una pistola. Intenzionato a vendicarsi, Martin cerca e trova un giovane da addestrare a sparare talmente bene da uccidere Billy Kane.

Il prescelto è Philip Raymond, che si esibisce con il nome d’arte di Ricky Shot. Sveglio e intelligente sotto la guida dell’ex pistolero migliora la sua tecnica e impara a sparare con precisione. Il giovane in realtà è evaso dal carcere dove era stato rinchiuso con l’ingiusta accusa di aver partecipato all’assalto al treno nel quale Richard Martin aveva perso l’uso della mani.
Quando incontra Billy Kane, invece di ucciderlo per vendicare il torto subito dal suo maestro, si accorda con lui in cambio della sua testimonianza, l’unica che può scagionare dall’accusa per cui è stato condannato. Amareggiato Martin decide allora di affrontare direttamente l’artefice della sua menomazione e resta ucciso. La sua fine convince il giovane allievo ad affrontare finalmente in duello Billy e a ucciderlo pur sapendo di perdere l’unica possibilità di dimostrare la propria innocenza.

Recensione

 

 

È un tipico Spaghetti Western in cui si mescolano gli scenari comuni, come antieroi invincibili e duri, prove difficili e veloci con numerosi decessi, zoom impulsivi e veloci, molta azione, colonna sonora con influenza Morriconiana. Si parla di un sicario di nome Richard Martin (Enrico Maria Salerno), un revisore serio e silenzioso, sta viaggiando su un treno, tenuto da Vigonza (Cris Huerta) e il celebre Billy Kane (Venantino Venantini), un ex allievo Di Martin. Kane risparmia Martin, ma solo dopo avergli sparato alle mani. Anni dopo, Martin incontra un condannato in fuga di nome Ricky Shot (Terry Jenkins), un giovane e inesperto vagabondo che cerca di provare la sua innocenza per un crimine che non ha commesso. Per quanto abbia sperimentato la violenza, Martin prepara il suo nuovo discepolo ed entrambi cercano il cattivo Billy Kane. Il pistolero Richard Martin desidera vendetta e la resa dei conti, comportandosi come un protettore del giovane pistolero e viceversa. Entrambi eseguono uno spettacolo famoso intitolato: “Richard Martin presenta”: il miglior sparatutto nel mondo, “Ricky Shot”. Alla fine Billy Kane cavalca di ritorno nella città e alla fine lui e Ricky si affrontano nella piazza centrale.

La pellicola mostra personaggi psicologici in profondità, sparatorie, azione ed e’ abbastanza divertente. Inoltre è piena di rabbia, sadismo, bagni di sangue e primi piani portentosi di volti incrostati di sporcizia. Interessante la sceneggiatura di Juan Cobos e Luis Laso, che sottolinea il rapporto speciale tra un pistolero esperto ma inerme e un giovane cowboy condannato ingiustamente per una rapina al treno. Lo spettacolare finale si svolge in centro quando i protagonisti si affrontano faccia a faccia e circondati da selvaggi cowboys. L’azione è buona, con le acrobazie che conquistano la scena con i cascatori che si schiantano sui tetti e cadono da edifici o dai cavalli. Terry Jenkins è passabile come uno sfortunato giovane accusato ingiustamente di un crimine che non ha commesso, ed Enrico Maria Salerno ruba la scena come pistolero veterano in cerca di vendetta. Appaiono inoltre i soliti attori spagnoli come Cris Huerta, Victor Israel e Antonio Pica, nonché attori  italiani come Giancarlo De Sisti e Roberto Messina

Questo western italiano del 1967 ha molti volti noti nel cast; tutti fanno un buon lavoro, in particolare Maria Martin come la donna attraente, ha anche recitato in un altro classico western intitolato “The tramplers” di Sergio Corbucci. La colonna sonora è molto bella, composta da Egisto Macchi che compone una delle sue migliori colonne sonore, tra cui un leitmotiv evocativo. La cinematografia atmosferica fotografata correttamente da Emilio Foriscot. Girato in location a Colmenar Viejo, Manzanares Del Real e La Pedriza (Madrid) con un buon design di produzione di Jaime Perez Cubero che insieme a Jose Luis Galicia ha progettato molti set in western girati in Spagna. Il film è stato ben scritto e diretto da Massimo Dallamano o “Max Dillman”, che in precedenza aveva fotografato “Per un pugno di dollari” e “Per un pugno di dollari in più”. Dallamano è riuscito a creare un western fluido, spiritoso e gradevole.

BANDIDOS beneficia della sua straordinaria cinematografia. Il film è elegantemente girato con alcune sequenze girate in prima persona. C’è una scena in cui Billy Kane entra nel salone e si ha la sensazione di essere in prima persona a camminarci dentro. All’ interno ci sono sacco di scene, una tecnica preferita dai cameramen e dai registi in molti Spaghetti western, quindi il film non si basa su tagli imbarazzanti. Un altro punto di interesse è la camera che segue una bottiglia di Whisky mentre scivola lungo il bancone, che abbiamo pensato fosse piuttosto incredibile. Gli shootouts sono anche molto ben mirati, consentendo allo spettatore di assistere all’azione da una prospettiva più interessante. Dopo l’attacco al treno, le voci inquietanti si aggiungono a una scena mentre la camera si sovrappone ai corpi senza vita delle vittime.

Curiosità

 

 

Uscite all’estero

Italy     15 October 1967
Denmark     10 June 1968
West Germany     2 August 1968
Japan     28 September 1968
Finland     21 March 1969
Spain     25 August 1969     (Madrid)

Titoli all’ estero

(original title)     Bandidos
Brazil (reissue title)     Bandidos
France     Bandidos
Italy     Bandidos
Finland     Bandidos – elä kostaaksesi
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     Banditos
Denmark     Banditos – blodhævn over Billy Kane
Italy     Crepa tu… che vivo io
World-wide (English title) (alternative title)     Guns of Death
Hong Kong (Mandarin title)     Leng xue sha ren wang
Brazil     Um Dolar para Matar
World-wide (English title) (informal English title)     You Die… But I Live

Locations

 

 

Dino De Laurentiis Cinematografica Studios, Rome, Lazio, Italy

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

Titolo originale    Bandidos
Lingua originale    italiano
Paese di produzione    Italia, Spagna
Anno    1967
Durata    91 min
Genere    western
Regia    Max Dillman
Soggetto    Luis Laso, Juan Cobos
Sceneggiatura    Juan Cobos, Romano Migliorini, Giambattista Mussetto
Produttore    Solly V. Bianco
Casa di produzione    Epic Film, Hesperia Films
Distribuzione (Italia)    Euro International Films
Fotografia    Emilio Foriscot
Montaggio    Gianmaria Messeri
Musiche    Egisto Macchi
Scenografia    Jaime Perez Cubero
Costumi    Carlo Gentili
Trucco    Dante Trani

Interpreti e personaggi

Enrico Maria Salerno: Richard Martin
Terry Jenkins: Ricky Shot
Venantino Venantini: Billy Kane
María Martín: Betty Starr
Marco Guglielmi: Kramer
Cris Huerta: Vigonza

Doppiatori italiani

Adalberto Maria Merli: Ricky Shot
Riccardo Cucciolla: Billy Kane
Silvano Tranquilli: Kramer

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest