Beato tra le donne

Beato fra le donne (L’Homme orchestre)  è una commedia italo-francese del 1970 diretta da Serge Korber con Louis de Funès.

Trama

Impresario e direttore artistico di un balletto femminile, sempre in giro da una capitale all’altra, Evan Evans non vuole che le sue ballerine si fidanzino e tanto meno che si sposino. Preoccupato in egual misura dia della loro dieta che dei loro rapporti sentimentali, riesce così a evitare, servendosi del proprio nipote Filippo, il matrimonio di una di loro.

Durante una tournée a Roma, una delle sue ragazze, madre di un bel bambino dato a balia, costretta a riprendersi la sua creatura, escogita uno stratagemma per far sì che sia lo stesso Evans – convinto di aver a che fare con un figlio naturale di Filippo – a prendersi cura dell’infante. Le cose però, si complicano, poiché il giovane, in seguito a una relazione sentimentale allacciata nel corso di una precedente tournée con una siciliana, è diventato realmente padre.

Trovandosi con due bambini tra le braccia, Evans rischia di perdere il proprio equilibrio mentale, ma alla fine tutto si sistema nel migliore dei modi.

Commento

Uno dei film migliori fra quelli interpretati dal comico transalpino, divertente storia di un burbero impresario di un corpo di ballo interamente femminile che si preoccupa della dieta e della vita amorosa delle “sue” ragazze. Molto francese, ben ambientato e ben interpretato da un De Funès alle prese con un esercito di belle fanciulle. Curiosamente, riesce anche a trasmettere una sorta di inconsueta nostalgia per quel periodo. E poi c’è il mitico numero musicale “Piti piti pas”!

La trama è ritenuta esile, ma de Funès, trasformato per l’occasione in una specie di burattino collerico, è perfetto nel ruolo e si integra stupendamente con il caleidoscopio di immagini e suoni creati dal regista Korber. La musica di François de Roubaix esalta le capacità comiche dell’attore e “sottolinea i suoi movimenti e convulsioni facciali, riuscendo a far capire fino in fondo quanta importanza rivesta la musica nei film di de Funès.

Oltre alla preziosa “spalla” Préboist e all’italiano Franco Fabrizi, de Funès ritrova Noëlle Adam, attrice e ballerina molto dotata e già sua partner in Omicidio a pagamento e ne La legge del più furbo. “Una prova tangibile delle enormi potenzialità recitative e soprattutto mimiche del comico è rappresentata dalla scena in cui, con il solo ausilio di smorfie e versi, racconta la favola del Lupo e l’agnello di Fedro

Locations

Le riprese sono state girate a Nizza e a Roma.

La villa del Marchese (Franco Volpi), ove si reca Evan Evans (De Funès) per chiarire una paternità è la multilocation Villa Miani (Roma)

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader
FOTO E POSTERS

 

 

Titolo originale L’Homme orchestre
Lingua originale francese
Paese di produzione Francia, Italia
Anno 1970
Durata 85 min
Rapporto Scope
Genere commedia
Regia Serge Korber
Soggetto Géza von Radvànyi
Sceneggiatura Jean Halain
Serge Korber
Produttore Alain Poiré
Casa di produzione Gaumont (Parigi), Rizzoli Film (Roma)
Fotografia Jean Rabier
Montaggio Robert Isnardon, Monique Isnardon
Musiche François de Roubaix (Éditions Hortensia)
Scenografia Jean Halain e Serge Korber; René Goliard (coreografia)
Costumi Anne-Marie Marchand
Trucco Anatole Paris, Monique Archambaud

Interpreti e personaggi

Louis de Funès: Evan Evans
Noëlle Adam: Françoise
Olivier de Funès: Filippo Evans
Tiberio Murgia: padre siciliano
Paola Tedesco: ragazza siciliana
Franco Volpi: marchese
Marco Tulli: commissario
Paul Préboist: direttore d’albergo
Franco Fabrizi: Franco Buzzini
Vittoria Di Silverio: balia

Doppiatori italiani

Stefano Sibaldi: Evan Evans
Maria Pia Di Meo: Françoise
Massimo Turci: Filippo Evans
Vittoria Febbi: ragazza siciliana
Ferruccio Amendola: direttore d’albergo
Dhia Cristiani: balia

Facebooktwittergoogle_pluspinterest