Chi l’ha vista morire?

Chi l’ha vista morire? è un film del 1972, diretto da Aldo Lado.

Trama

 

 

A Mégève, in Francia, la piccola Nicole, una bambina con i capelli rossi, mentre è affidata alla governante è uccisa da un serial killer in abiti femminili. La governante, Ginevra Storelli, si trasferisce a Venezia e il caso è archiviato. Quattro anni dopo, nel 1972, Roberta Serpieri, un’altra bambina con i capelli rossi, da poco arrivata a Venezia proveniente da Amsterdam, dove vive con la madre Elizabeth, è uccisa dallo stesso serial killer in abiti femminili.

Il padre, lo scultore Franco Serpieri, comincia da solo a cercare il responsabile della morte di Roberta, avendo poca fiducia nel commissario De Donato.
Analogie con la morte di un’altra bambina con i capelli rossi, Marinella Marchesin, uccisa l’anno precedente, spingono Franco verso persone che conosce: il mercante d’arte Serafian; Ginevra Storelli, ora socia di Serafian; Filippo Venier, l’amante di Ginevra; Nicola Bonaiuti, un avvocato che Franco sospetta abbia partecipato a feste equivoche con dei minorenni, insieme ad altri notabili di Venezia.

Le indagini di Franco portano alla morte di quasi tutti i personaggi sospetti e mettono in pericolo anche la sua vita e quella della moglie Elizabeth, nel frattempo arrivata a Venezia. Franco alla fine scopre che l’assassino è un sacerdote, padre James, fratello di Serafian, che con gli omicidi intendeva vendicarsi della madre, prostituta con i capelli rossi, e impedire che altre bambine con i capelli rossi potessero crescere nel peccato.

Recensione

 

 

Un superbo giallo di Aldo Lado. Sin dalla prima scena, Lado crea un’atmosfera tesa che mantiene la presa sullo spettatore fino alla fine. Nel tenere il passo con alcuni dei migliori marchi del giallo, questo film ha una fotografia eccellente, facendo buon uso degli incantevoli scenari di Venezia.

Eccellente  la suspence emotiva dovuta alla sapiente direzione di Ado Lado e alla inquietante colonna sonora di Ennio Moriconne. È una pellicola molto elegante e grazie all’aspetto sorprendente del killer che indossa un velo sul viso ci sono delle immagini davvero sorprendenti. Anche la recitazione è migliore del solito di altri gialli. George Lazenby è particolarmente convincente come il padre in lutto ossessionato dal trovare l’assassino della sua giovane figlia. L’aspetto più impressionante di questo film è tuttavia il modo in cui la location, Venezia, viene manipolata dall’eccellente cinematografia. Si trasforma in un labirinto cupo e claustrofobico composto da edifici di stile rinascimentale che scrutano attraverso la nebbia e circondati da acque calme e rilassanti. C’è un’influenza molto evidente di questo film sul famoso thriller d’art-house A Venezia… un Dicembre rosso shocking. Oltre alle ovvie somiglianze con la trama e la posizione (Venezia), c’è una scena di sesso con il personaggio di Lazenby e sua moglie, che è intercalata con i due sdraiati a letto l’uno accanto all’altro piangendo e riflettendo sulla morte dei loro figli. Infatti c’è una scena simile con Donald Sutherland e Julie Christie nel ruolo del personaggio di Lazenby e della moglie. L’unica differenza è che la scena del sesso è intercalata con i due che si vestono in seguito. Anche il modo in cui vengono girate le scene è molto simile, sia con il montaggio frastagliato.

Chi L’ha Vista Morire?  È, visivamente, un film molto bello. Dai primi scatti che enfatizzano la crudezza del paesaggio alpino, che segue in modo altrettanto netto le foto in bianco e nero e i disegni da un fascicolo di polizia alle scene finali, la cinematografia è bella. In particolare, uno scatto in cui uno stormo di piccioni che fuggono in una piazza cittadina fornisce una metafora per il panico crescente del padre, interpretato da George Lazenby, sia esteticamente piacevole a sé stante che molto raffinato per gettare le basi per la scena che segue.

Curiosità

 

 

George Lazenby ha perso 25 chili per questo ruolo.

Il flipper che Roberta suona è una macchina elettromeccanica “Harmony” del 1967 prodotta da D. Gottlieb & Co.

La voce di George Lazenby è doppiata da un altro attore nella versione in lingua inglese.

Nella versione in lingua inglese, Filippo Venier è chiamato Philip Vernon e Roberta dice di vivere a Londra.

Nella versione in lingua italiana, il commissario De Donato afferma che padre James sia un falso prete, ma ciò non trova riscontro nella versione in lingua inglese.

Uscite all’estero

Italy     12 May 1972
Spain     7 October 1974     (re-release)
West Germany     1985     (video premiere)
France     19 November 1999

Titoli all’ estero:

(original title)     Chi l’ha vista morire?
Brazil     Quem a viu Morrer?
Bulgaria (Bulgarian title)     Кой я видя как умира?
Finland     Verta Venetsiassa
France     Qui l’a vue mourir?
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     Poios eide tin kyria na pethaini?
Greece (reissue title)     Ta vimata ti nyhta fernoun to thanato
Lithuania     Kas mate jos mirti?
Poland     Kto widział jej śmierć?
Portugal     Viste-a Morrer?
Soviet Union (Russian title)     Кто видел ее смерть?
Spain     ¿Quién la ha visto morir?
UK (video box title)     Who Saw Her Die?
USA (DVD title)     Who Saw Her Die?
West Germany     The Child – Die Stadt wird zum Alptraum
World-wide (English title)     Who Saw Her Die?
Yugoslavia (Croatian title)     Ko ju je vidio mrtvu?

Locations

 

 

De Paolis Studios, Rome, Lazio, Italy
(studio) (as De Paolis INCIR)

France

Venice, Veneto, Italy

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

Titolo originale    Chi l’ha vista morire?/Who saw her die?
Lingua originale    italiano inglese
Paese di produzione    Italia, Germania Ovest
Anno    1972
Durata    95 min
Rapporto    2,35 : 1
Genere    thriller
Regia    Aldo Lado
Sceneggiatura    Massimo D’Avack,
Francesco Barilli,
Aldo Lado,
Rüdiger von Spihes
Produttore    Enzo Doria
Casa di produzione    Dieter Geissler Filmproduktion,
Doria G. Film,
Roas Produzioni
Fotografia    Franco Di Giacomo
Montaggio    Angelo Curi
Musiche    Ennio Morricone
Scenografia    Gisella Longo,
Alessandro Parenzo
Trucco    Franco Schioppa

Interpreti e personaggi

George Lazenby: Franco Serpieri
Anita Strindberg: Elizabeth Serpieri
Adolfo Celi: Serafian
Dominique Boschero: Ginevra Roussel/Storelli
Peter Chatel: Filippo Venier
Piero Vida: giornalista
José Quaglio: avvocato Nicola Bonaiuti
Alessandro Haber: padre James
Nicoletta Elmi: Roberta Serpieri
Rosemarie Lindt: Gabriella
Giovanni Forti Rosselli: François Roussel/Francesco Storelli, figlio di Ginevra
Sandro Grinfa: commissario De Donato
Carlo Hollesch:
George Willing:
Vittorio Fanfoni:
Luigi Antonio Guerra:

 

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest