Clint Eastwood a Cannes

Il veterano degli attori americani racconta di come fosse venuto a Cannes, per presentare una versione restaurata del film Gli Spietati, vincitore di alcuni Oscars nel 1992 e per festeggiare il 25esimo anniversario dalla sua uscita.

“Ho pensato…staro’ 5 minuti e poi vado via”. Ma dopo un po’ ho di nuovo pensato. “Beh ma non e’ cosi’ male, magari resto.” Eastwood ha ammesso di essersi divertito molto, avendo ricordato molte cose di cui non aveva piu’ memoria.

Ha raccontato di quando la sceneggiatura di David Webb e’ arrivata la prima volta sulla sua scrivania nel 1980 . ” Questo puo’ essere il mio ultimo grande western”. Ma che poi ci furono varie difficolta’ organizzative e passarono altri 10 anni prima di poterlo realizzare.

Durante la discussione a Cannes, Clint ha reso omaggio a Sergio Leone e Don Siegel.” Sergio aveva un modo diverso nel vedere come realizzare un film e le sue motivazioni erano diverse da tutti. Don Siegel era estremamente efficiente e rapido, era piu’ veloce di tutti nel girare un film, ma perche’ lui pensava nel modo piu’ rapido di tutti.”

Clint attualmente sta lavorando alla realizzazione del film The 15:17 to Paris, che narra di come tre amici americani bloccarono un attentato sul treno da Bruxelles a Parigi nel 2015.

Facebooktwittergoogle_pluspinterest