Era Sam Wallash, lo chiamavano Così Sia

Era Sam Wallash!.. Lo chiamavano.. E così sia! è un film western del 1971 con Robert Woods, diretto da Demofilo Fidani

Trama

 

 

Mash Donovan è il capo di una feroce banda che regna incontrastata in un piccolo paese del west, in una delle loro sanguinose sparatorie in una locanda, viene ferito anche Sam Wallash, mentre un suo amico viene ucciso.
La banda di Mash Donovan

Mentre Sam, che nel frattempo si è fatto curare la ferita, è sulle tracce della banda per vendicarsi, Donovan a sua volta viene a sapere che Sam in realtà non è morto, ma solo ferito, e chiede alla sua banda di eliminarlo, sperando tra l’altro nell’aiuto di Fanny, una donna che lavora nel saloon di proprietà di Donovan. Sam, arrivato in paese, entra in un saloon per sfamarsi, ma incontra un uomo di Donovan che, non conoscendo la sua vera identità lo provoca e aiutato da altri suoi complici viene anche derubato dei soldi.
Fanny

Nel frattempo in paese viene organizzato un incontro di boxe, Donovan cerca di convincere lo sfidante a perdere la gara perché ha puntato molti soldi sull’altro avversario, intimandolo che in caso di vittoria lo avrebbe eliminato. Lo sfidante però non accetta e vince la gara, mentre è intento a scappare per evitare di essere ucciso, due uomini entrano nella sua stanza e lo fanno fuori. Sam, intanto, riesce a entrare nella stanza di Fanny e lei cerca di aiutarlo, spiegandogli che anche lei è stanca di lui e che vorrebbe ritornare a casa dalla sua famiglia. Mentre Sam è nascosto nella stanza, gli vengono in mente i veri motivi del suo rancore per Donovan, che anni prima quando era ancora un bambino, aveva eliminato i suoi genitori. Il giorno dopo, grazie ad uno stratagemma, riesce a radunare tutta la banda in un luogo isolato. Da lontano arriva una carrozza con sopra due fantocci: mentre la banda è raccolta in gruppo, dalla carrozza sbuca fuori Sam che armato di una grossa mitragliatrice fa fuori tutta la banda lasciando per ultimo Donovan, compiendo finalmente la sua vendetta.

Recensione

 

 

Questo è un film molto eccentrico. A volte è involontariamente divertente, altre volte semplicemente bizzarro.

La colonna sonora di Lallo Gori è eccellente. È probabilmente la parte più alta del film. Le trombe, la chitarra e l’organo sono usati abilmente per creare suspense ed emozione con uno stile innegabilmente spaghetti western.

Sebbene i film di Fidani non siano noti per la buona recitazione, Robert Woods in realtà fa un ottimo lavoro in questo ruolo come Sam Wallach, il protagonista leggermente colpito che soffre di portafobia (Sì, si scatena in un sudore freddo e diventa isterico al solo pensiero di una porta che si apre e si chiude. Non mi sto inventando!) Simonetta Vitelli è anche brava come Fanny la barista.  ìLa genesi della trama è che il nostro eroe Robert Woods è stato l’unico a sfuggire a un massacro in un salone in cui il cattivo Dino Strano e la sua banda hanno sparato a un barista che li aveva denunciati alle autorità. Ma invece di aspettarlo fuori e solo pugnalarlo o sparargli, questi ragazzi vanno nel suo saloon, sparano sul posto e uccidono tutti lì. O almeno così pensano. Il resto del film è Woods che cerca di pareggiare le cose con Strano.

In effetti Strano e / o la sua banda lo fanno sempre. E devono avere sei pistole che tengono circa 20 colpi ciascuna nel modo in cui continuano a sparare.

È una semplice storia di vendetta. È una storia piuttosto tipica nei western. Ha anche più azione rispetto agli altri western di Fidani che ho visto. Alcuni strani momenti salienti del film includono una surreale rissa al rallentatore con suoni e risate echeggianti, una strana conversazione tra il cattivo principale e la sua banda in cui ordina loro di dividersi per evitare la cattura, ma non gli importa quando si rifiutano di andarsene , una sequenza di flashback al rallentatore esagerata, la portafobia di Sam, ovviamente, e una cantante francese di bar room il cui accento sembra più tedesco che francese. Sembra che abbia un microfono e canta in uno stile che sembra più simile agli anni ’30 che al 1870. Le scazzottate sono rovinate dagli effetti sonori e l’accento romano talvolta presente fa storcere il naso.

Curiosità

 

 

Il film è conosciuto con vari titoli, nei titoli di testa è “Era Sam Wallash…lo chiamavano ‘Così Sia’, mentre nelle locandine e manifesti “Era Sam Wallash!… Lo chiamavano… E così sia!”, in alcuni siti internet “Era Sam Wallach… lo chiamavano ‘così sia'”.

Robert Woods interpreta due ruoli, Sam Wallash e quello del padre nei flashback.

Peter Martell, Gordon Mitchell, e Lincoln Tate appaiono in un cameo in una piccola scena e vengono chiamati proprio con i loro nomi.

Curiosamente in un’edizione in DVD uscita in America in un cofanetto “The Great American Western vol. 12”, in realtà il film è stato inserito per errore, dato che il titolo inglese del film “Savage guns” faceva riferimento ad un altro film americano “I fuorilegge della valle solitaria” chiamato anch’esso “The savage guns”.

Uscite all’estero

France     4 February 1976

Titoli all’ estero:

(original title)     Era Sam Wallash!… lo chiamavano… E Così Sia
France     Sam Wallash! …On l’appelle Ainsi Soit-il
Sweden (video title)     Sam Wallash
USA     His Name Was Sam Wallash, But They Call Him Amen
USA     Savage Guns
Yugoslavia (Serbian title)     Nepobedivi Sam Valas

Locations

 

 

De Paolis/INCIR Studios, Rome, Lazio, Italy

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

Titolo originale    Era Sam Wallash!… Lo chiamavano… E così sia!
Paese di produzione    Italia
Anno    1971
Durata    88 min
Genere    western
Regia    Miles Deem
Soggetto    Mila Vitelli, Demofilo Fidani
Sceneggiatura    Mila Vitelli, Demofilo Fidani
Produttore    Demofilo Fidani
Produttore esecutivo    Demofilo Fidani
Casa di produzione    Galassia Cinematografica
Distribuzione in italiano    Indipendenti Regionali
Fotografia    Franco Villa
Montaggio    Piera Bruni, Gianfranco Simoncelli
Musiche    Lallo Gori
Scenografia    Mila Vitelli
Costumi    Mila Vitelli
Trucco    Corrado Blengini

Interpreti e personaggi

Robert Woods: Sam Wallash
Dean Stratford: Mash Flananghan/ Donovan
Simone Blondell: Fanny
Dennis Colt: Hernandes
Custer Gail: Sturges
Lincoln Tate: Lincoln Tate (non accreditato)
Gordon Mitchell: Gordon Mitchell (non accreditato)
Peter Martell: Peter Martell (non accreditato)
Pietro Fumelli: Gaspar (non accreditato)

Doppiatori italiani

Mario Bardella: Mash Donovan
Mirella Pace: Fanny
Renato Mori: Hernandes
Mario Milita: Gaspar

FOTO E POSTERS

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest