Il cittadino si ribella

Il cittadino si ribella è un film poliziottesco italiano del 1974 diretto da Enzo G. Castellari.

Tre ladri entrano in un appartamento ed iniziano a buttare all’aria tutto il mobilio in cerca di denaro e preziosi; non avendo trovato nulla, distruggono gli arredi e appiccano il fuoco, non risparmiando neanche una cornice al cui interno c’è un manifesto con su scritto Italiani ribellatevi.

 

COMPRA DVD ITALIANO SU AMAZON (CLICCA L’IMMAGINE SOTTO)

Il Cittadino Si Ribella [Import italien]

 

Trama

Genova: Carlo Antonelli, un ingegnere quarantenne, si reca all’ufficio postale per ritirare un pacco in contrassegno per il quale dovrà pagare la somma di un milione di lire: mentre sta contando i soldi davanti al cassiere, entrano quattro rapinatori che immobilizzano la guardia giurata e compiono una rapina nell’ufficio postale, Carlo, avendo appoggiato i soldi sullo sportello, prova a riprenderseli per metterli al sicuro ma, proprio in quell’istante, uno dei rapinatori lo vede e lo malmena.

Una cassiera suona l’allarme e i rapinatori fuggono, prendendo proprio Carlo come ostaggio a bordo di un’Alfa Romeo bianca. In automobile i banditi, toltisi i passamontagna, incominciano a picchiare selvaggiamente Carlo. Le auto della polizia li inseguono, ma senza riuscire a bloccarli. L’auto viene abbandonata fra alcuni containers all’interno del porto, con Carlo a bordo frastornato e sanguinante, che viene trasportato all’ospedale e successivamente in commissariato. Qui farà regolare denuncia, e avrà un battibecco con il commissario, sostenendo la tesi che il cittadino non è per nulla tutelato.

Tornato a casa sua, nel salotto si trova una cornice al cui interno c’è il manifesto Italiani ribellatevi, scritto da suo padre durante l’occupazione tedesca nella seconda guerra mondiale, e che costò a quest’ultimo la vita.

Carlo, non essendo per nulla soddisfatto delle indagini svolte dalla polizia, a suo avviso molto superficialmente, decide di indagare per conto suo e inizia a frequentare gli ambienti malfamati del porto di Genova, non senza rischi per la sua persona. Riuscirà ad entrare in contatto con uno dei tre rapinatori, Tommy, che ricatterà allo scopo di farsi procurare delle armi per la vendetta, ma questi tenterà prima di truffare l’ingegnere, poi sembrerà collaborare, infine attirerà il professionista in una trappola dove ad attenderlo ci saranno gli altri tre delinquenti che lo picchiarono e lo sequestrarono, ancora una volta viene selvaggiamente malmenato e tenuto prigioniero per essere poi eliminato.

Tuttavia Tommy, che sembra essere il meno cattivo e che vorrebbe cambiare vita, lo aiuta a fuggire e collabora con lui. Carlo simula perfino il suo rapimento allo scopo di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica riguardo alla lentezza e alla macchinosità della giustizia.

Alla fine, Carlo in un conflitto a fuoco riuscirà ad avere la sua vendetta eliminando i banditi ma, prima che possa avere ragione dei rapinatori, questi ultimi riescono ad eliminare barbaramente il loro ex complice, diventato alleato di Carlo. Il commissario di Polizia, però, farà firmare a Carlo una dichiarazione nella quale smentirà tutto quanto reso noto durante il suo finto rapimento, e ciò al fine di non fomentare altre persone a farsi giustizia da sé.

Al momento di uscire dal commissariato per tornare a casa, Carlo però scorge un uomo che ha appena subito una rapina e che minaccia anch’egli di farsi giustizia da solo «perché la gente è stufa, stufa…» infondendo in lui una certa speranza.

Commento

Ottimo film, uno dei migliori polizieschi dell’epoca e il migliore di Castellari dopo Il grande racket. La trama è veloce e avvincente e tiene col fiato sospeso per tutta la durata. Puppo, Vanni e sopratutto Zamperla nella parte dei delinquenti più bastardi del cinema di genere. Franco Nero giganteggia e traduce con fedeltà il carattere, apparendo sì arrabbiato, ma anche comprensibilmente ingenuo, imprudente e maldestro, tanto che la sua vendetta arriva molto tardi e Prete qui se la cava alla grande.

La storia è abbastanza originale e si differenzia dal resto dei polizieschi con Milian, Merli & co. grazie ad alcune riflessioni sulla connivenza tra polizia e malavita, oltre a mettere in scena personaggi più credibili e umani del solito (specialmente il protagonista). Ottime le scene d’azione, bella l’ambientazione genovese, da antologia il finale nel capannone. Buone le musiche dei fratelli De Angelis.

Curiosità

A proposito del film Il Giorno scrive: «Siamo al manierismo della violenza. Con scazzottate e pestaggi visti al rallentatore, urla strazianti di gente che sta per morire crivellata di colpi amplificate e spezzettate dall’effetto eco elettronico. Chi ama questo genere di cose è servito».

Il Messaggero, a firma di Guglielmo Biraghi: «Il regista Enzo Castellari si è preoccupato soprattutto d’infondere all’azione un senso di violenza scatenata: quasi che si trattasse di un “western”. E in realtà, fino a quando i personaggi non hanno ancora perso credibili dimensioni umane, il racconto ha un suo efficace dinamismo che si traduce in sequenze di notevole aggressività.»

Claudio Quarantotto, invece, su Il Borghese fa leva sul tentativo del regista di accaparrarsi le simpatie anche della sinistra del tempo: «Castellari, cercando prudentemente di coprirsi a sinistra, tira in ballo anche la resistenza per difendere la ribellione del suo Cittadino. Siamo, invece, soltanto di fronte a film che costituiscono un sintomo e un segnale d’allarme, rappresentando i pericoli della degenerazione anarchica della società permissiva, dell’impotenza o addirittura dell’estinzione dello Stato (invocata e programmata dal marxismo) che porta prima al Far West, con i suoi sceriffi e i suoi banditi, poi alla giungla e all’homo homini lupus».

L’attore che guida la moto, il complice di Giancarlo Prete è il regista NERI PARENTI.

Uscite all’ estero

Italy     17 September 1974
West Germany     27 May 1975
USA     13 February 1976
Japan     17 December 1981     (TV premiere)

Titoli all’ estero

The Anonymous Avenger
Brazil     O Vingador Anônimo
Canada (English title)     Street Law
Spain     El ciudadano se rebela
Spain (video title)     Perros callejeros III Cuidadáno se rebela
UK (video box title)     Anonymous Avenger
UK (DVD box title)     Revenge
UK (video title)     Vigilante II
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     Enas politis epanastatei
Greece (video title)     Via sti via tou ypokosmou
Hungary     Az utca törvénye
Italy (literal English title)     The Citizen Rebels
Portugal (video title)     A Revolta Dum Cidadão
Slovenia     Od pravice do resnice
Turkey (Turkish title)     Dehset sehri
USA     Street Law
West Germany (video title)     Ein Bürger setzt sich zur Wehr
West Germany     Ein Mann schlägt zurück
World-wide (English title)     Street Law

Locations

 

 

 

via dei Pescatori.

nave da crociera Achille Lauro

 

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]

 

Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

Cast (in credits order)

Franco Nero Carlo
Giancarlo Prete Tommy
Barbara Bach Barbara
Renzo Palmer Inspector
Nazzareno Zamperla Beard
Massimo Vanni Massimo Vanni …
Unibrow
Romano Puppo Ringleader
Renata Zamengo Cavallo
Franco Borelli Borelli
Mauro Vestri Barman
Luigi Antonio Guerra Rubei (as Luigi Guerra)
Adriana Facchetti Bum
Rest of cast listed alphabetically:
Nick Alexander Ringleader (voice) (uncredited)
Cicely Browne Bum / Walla (voice) (uncredited)
Angelo Casadei Photograph (uncredited)
Enzo G. Castellari Port (uncredited)
Lewis E. Ciannelli Cop / Walla (voice) (uncredited)
Cyril Cusack Cyril Cusack …
Records (voice) (uncredited)
Larry Dolgin Larry Dolgin …
Beard / Port (voice) (uncredited)
Paul Goldfield Julio / Walla (voice) (uncredited)
John Karlsen Records (voice) (uncredited)
William Kiehl Walla (voice) (uncredited)
Silvio Klein Cop (uncredited)
Mickey Knox Gambino (uncredited)
Rocco Lerro Getaway (uncredited)
Andy Luotto Barflies / Burglar / Walla (voice) (uncredited)
Gene Luotto Barfly / Burglar / Rebel (voice) (uncredited)
Steven Luotto Barfly / Walla (voice) (uncredited)
Marne Maitland Records (uncredited)
Edward Mannix Cop / Lawyer / Lookout / Walla (voice) (uncredited)
Dino Mattielli Hitman (uncredited)
Riccardo Petrazzi Barfly (uncredited)
Renzo Pevarello Extra (uncredited)
Ted Rusoff Ted Rusoff
Professor / Walla (voice) (uncredited)
Leonardo Scavino Leonardo Scavino
Leone (uncredited)
Sergio Soldano Sergio Soldano
Himself (uncredited)
Robert Sommer Robert Sommer
Dispatch / Inspector (voice) (uncredited)
Pat Starke Pat Starke
Barbara (voice) (uncredited)
Frank von Kuegelgen Unibrow (voice) (uncredited)
Steffen Zacharias Lawyer (uncredited)

Produced by
Mario Cecchi Gori producer
Luciano Luna … executive producer Music by
Guido De Angelis
Maurizio De Angelis Cinematography by
Carlo Carlini … director of photography Film Editing by
Gianfranco Amicucci Art Direction by
Umberto Turco Costume Design by
Franco Antonelli Makeup Department
Giusy Bovino … hair stylist (as Giuseppina Bovino)
Mario Van Riel … makeup artist Production Management
Vincenzo Mazzucchi production manager Second Unit Director or Assistant Director
Marcello Crescenzi assistant director Art Department
Eli Peyrot … assistant art director Sound Department
Benito Alchimede boom operator
Domenico Dubbini sound engineer Stunts
Rocco Lerro … stunts (as Lerro Rocco)
Nazzareno Zamperla stunt coordinator
Biagio Gambini … stunt driver (uncredited)
Nella Gambini … motorcycle double (uncredited) Camera and Electrical Department
Marcello Anconetani assistant camera
Massimo Carlini … camera operator
Antonio D’Amato … still photographer
Sergio Martinelli camera operator Editorial Department
Roberto Amicucci assistant editor
Piero Bozza … assistant editor Other crew
Gene Luotto … dialogue director: English version
Mario Lupi … administrator
Maria Luisa Merci continuity
Tommaso Pantano … production secretary
Giandomenico Stellitano production secretary
Nazzareno Zamperla master at arms
Mickey Knox … dialogue coach (uncredited)

Titolo originale Il cittadino si ribella
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere poliziesco
Regia Enzo G. Castellari
Soggetto Dino Maiuri, Massimo De Rita
Sceneggiatura Dino Maiuri, Massimo De Rita
Produttore Mario Cecchi Gori
Casa di produzione Capital
Distribuzione (Italia) Cineriz
Fotografia Carlo Carlini
Montaggio Gianfranco Amicucci
Musiche Maurizio De Angelis, Guido De Angelis
Scenografia Umberto Turco

FOTO E POSTERS

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest