Il commissario Verrazzano

Il commissario Verrazzano è un film del 1978 diretto da Franco Prosperi.

Trama

Il commissario Verrazzano viene raggiunto da Giulia Medici, l’elegante padrona di una galleria d’arte, che lo prega di affrontare il caso della morte del fratello Walter, frettolosamente archiviato pochi mesi prima dalla Omicidi con sentenza di suicidio.

Il commissario, spalleggiato dal brigadiere Baldelli, si mette a frugare nell’ambiente delle scommesse, peraltro da lui frequentato abitualmente per vizio personale e viene così a sapere dal riconoscente Civetta che tutta l’organizzazione è attualmente diretta da Alberto Dolci, detto il Barone, per conto di nuovi capi. Il caso si complica quando Cora, già moglie di Walter e ora sposata a Marco Verelli, a sua volta prende contatto con il Verrazzano.

Inoltre, man mano che il poliziotto penetra nel mistero, qualcuno cerca di fermarlo uccidendo nell’ordine il suo gatto Ciro, la sua amante Rosy e il suo confidente Civetta. Messo a riposo, il commissario si reca a Nizza; quindi, per mezzo della ballerina Giorgia, ottiene delle fotografie che mettono a fuoco i suoi indizi unitamente ad altre scoperte fatte dal Baldelli. Presentatosi in casa dei Verelli, Verrazzano coglie Giulia e Marco in amichevole colloquio e scioglie il mistero.

Recensione

 

 

L’icona di genere Luc Merenda rappresenta il suo ruolo di protagonista preferito e più familiare: un commissario di polizia desiderato da molte donne per il suo bell’aspetto, anche se la sua personale devozione spetta esclusivamente al gatto domestico e al gioco d’azzardo. Viene avvicinato da una bellissima artista che afferma con fermezza che il presunto suicidio di suo fratello era, in realtà, un omicidio. Accusa la moglie incredibilmente bella (e molto più giovane) di suo fratello, perché ha ereditato tutti i suoi soldi e si è risposata solo un mese dopo. Il commissario Verrazzano indaga sul caso, sia in servizio che fuori servizio, e scopre rapidamente una rete di inganni, tradimenti, strozzini e omicidi aggiuntivi.

E’ un film poliziesco ben strutturato, non è un classico esempio del genere, ma è divertente, caratterizzato da una trama frenetica e un sacco di azione ed incidenti spettacolari. Il poliziotto di Merenda ha un personaggio molto ben sviluppato; è un donnaiolo amante dei gatti che trascorre il tempo libero a flirtare con numerose belle donne che di solito riesce anche a portarsele a letto.

I quattro motivi principali per cui si guarda questo film sono le attrici nel cast di supporto, poiché sono tutte bellezze strabilianti. C’è l’adorabile Janet Agren, svedese, e la meno nota ma altrettanto attraente Patrizia Gori e Mariá Baxa. Ultimo ma non meno importante, il film segna l’ultima apparizione della strabiliante Luciana Paluzzi, nota soprattutto per il suo ruolo di implacabile killer in “Thunderball” e una delle attrici più vergognosamente sottovalutate di tutti i tempi.

Curiosità

 

 

Uscite all’ estero

Italy 8 December 1978
Portugal 27 December 1986

Titoli all’ estero

Brazil Perseguição Mortal
Canada (video title) (French title) Flic à abattre
Finland (video box title) Tappava takaa-ajo
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title) To paliotomaro tis asfaltou
Portugal O Justiceiro de Roma
Slovenia Policaj, ki je ljubil zenske
USA (alternative title) Play Cop
West Germany (video title) Policeman Luc Merenda
World-wide (English title) Deadly Chase

Locations

 

 

La strada in cui Kora Verelli (Baxa) incontra Verrazzano (Merenda) è Via Margutta a Roma, circa all’altezza della casa di Gregory Peck in Vacanze Romane (1953).

 

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

 

Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1978
Durata 95 min
Genere poliziesco
Regia Franco Prosperi
Soggetto Franco Ciferri,
Sceneggiatura Franco Bottari
Produttore Pino Buricchi
Casa di produzione Holiday Cinematografica
Distribuzione (Italia) Nucleo Internazionale Cinematografica
Fotografia Cristiano Pogany
Montaggio Daniele Alabiso
Musiche Lino Corsetti
Scenografia Vincenzo Morozzi
Costumi Silvana Scandiarato
Trucco Maria Cristina Rocca

Interpreti e personaggi

Luc Merenda: il commissario Verrazzano
Janet Agren: Giulia Medici
Chris Avram: Marco Verelli
Luciana Paluzzi: Rosy
Giacomo Rizzo: Baldelli
María Baxa: Kora Verelli
Patrizia Gori: Giorgia
Daniele Dublino: il commissario Biagi
Gloria Piedimonte: Giorgia
Isarco Ravaioli: Alberto Bonci detto “il barone”
Edmondo Tieghi: “civetta”

Doppiatori italiani

Michele Gammino: il commissario Verrazzano
Rita Savagnone: Giulia Medici
Cesare Barbetti: Marco Verelli
Maria Pia Di Meo: Kora Verelli
Gianni Marzocchi: il commissario Biagi
Luciano De Ambrosis: Alberto Bonci detto “il barone”
Glauco Onorato: “civetta”
Serena Verdirosi: Giorgia

FOTO E POSTERS

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest