Il giorno del giudizio

Il giorno del giudizio è un film del 1971 diretto da Mario Gariazzo (Robert Paget).

Trama

In un villaggio del West giunge un pistolero il quale comincia a uccidere persone, per vendetta. La popolazione è allarmata, e chiede inutilmente la protezione dello sceriffo. Dopo aver ucciso altri uomini, il pistolero insegue quattro manigoldi figuranti nella sua lista nera: ne ammazza tre, il quarto viene ucciso dal vicesceriffo, il quale è poi eliminato dal pistolero. Lo sceriffo infine riconosce nel pistolero un soldato la cui famiglia venne sterminata dietro suo ordine (lo sceriffo violentò anche la moglie). Pure quest’ultimo responsabile della strage viene giustiziato.

Commento

Atipico, trasferisce in contesto western una trama simile a quella di La sposa in nero, da cui eredita il meccanismo thriller e i bizzarri travestimenti – peraltro già proposti in Dio perdoni la mia pistola – del camaleontico Hardin. Alcuni momenti memorabili: la lunga caccia all’uomo nel silenzio della notte, i deliri di Corazzari e soprattutto l’incubo di Brazzi, grande professionista e comprimario. Ingenua e improbabile la scena della lotta tra Hardin e Cianfruglia.

Le locations sono: Treja, Cave della Magliana, Bosco macchia grande di Manziana, Elios studios.

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

FOTO E POSTERS

 

Il giorno del giudizio
Paese di produzione     Italia
Anno     1971
Durata     99 min
Colore     colore
Genere     western
Regia     Mario Gariazzo
Soggetto     Mario Gariazzo
Sceneggiatura     Mario Gariazzo, Franco Daniele, Nello Rossati
Fotografia     Alvaro Lanzoni
Montaggio     Mario Gariazzo
Musiche     Ennio Morricone, Claudio Tallino

Interpreti e personaggi

Ty Hardin:
Rosalba Neri:
Gordon Mitchell:
Craig Hill:
Rossano Brazzi:
Bruno Corazzari:
Edda Di Benedetto:
Pinuccio Ardia:
Raf Baldassarre:
Giovanni Cianfriglia

Doppiatori italiani

Michele Gammino: Ty Hardin
Pino Locchi: Rossano Brazzi
Carlo Alighiero: Craig Hill

Facebooktwittergoogle_pluspinterest