Il lungo giorno della violenza

Il lungo giorno della violenza è un film western del 1971 diretto da Giuseppe Maria Scotese.

Trama

 

 

Mexico 1914: la rivoluzione è nel pieno della sua esplosione. Diego Medina, nipote del Generale Medina, è un giovane idealista che ha rubato da suo zio i piani per la difesa della città di Zacatecas e intende fornirli a Pancho Villa. Medina inseguito dall’esercito riesce a fuggire.

Incontra e si unisce a Juan Cisneros Malpelo e la sua banda di ladroni. Diego convince Malpelo a scortarlo fino da Pancho Villa, dove sarà premiato con 50.000 pesos e il grado di colonnello nell’esercito di Villa.

Intanto i due sono braccati dall’esercito che ha messo anche una taglia su Diego Medina. Pian piano Malpelo si lascerà trasportare dagli ideali del giovane, sentendosi sempre di più un rivoluzionario e sempre meno un bandito.

Recensione

 

 

La pellicola racconta la storia di due personaggi completamente diversi. Da un lato c’è un giovane nipote ufficiale intellettuale di nome Diego Medina, e dall’altro il malvagio e brutale bandito Juan Cisneros chiamato Malpelo, che ha trovato rifugio con il suo entourage nell’entroterra messicano. A Medina è stato commissionato un messaggio rivoluzionario a Pancho Villa, un messaggio importante per l’esito della rivoluzione.

Tuttavia, per arrivare a Villa, deve fare i conti con le pericolose forze governative guidate dall’ispettore Orozco, che, ovviamente, non è poi così facile, come puoi immaginare. Pertanto, ha bisogno di aiuto e lo ottiene dal bandito Malpelo, a cui promette un mucchio di soldi come ricompensa se lo aiuta. Inoltre, dovrebbe ricevere il grado di colonnello all’interno delle forze rivoluzionarie. Tuttavia, Malpelo non si preoccupa troppo della rivoluzione. È più un semplice e brutale bandito che non disdegna l’omicidio. In seguito, giustifica le sue azioni con il fatto che molte creature possono solo garantire la loro esistenza attraverso l’omicidio e altre brutalità. Per le ideologie di Medina gli rimane poco, ma molto per soldi, che è l’unica ragione per cui aiuta l’elegante Schnösel. Solo nel corso della storia il suo atteggiamento nei confronti della rivoluzione cambia.

Malpelo è interpretato dal grande Eduardo Fajardo, che ha finalmente un ruolo da protagonista e qui gli è permesso di incarnare un personaggio positivo. Malpelo è di gran lunga il personaggio più interessante e multistrato del film. A causa delle difficili condizioni di vita e delle grandi difficoltà, Malpelo e i suoi compagni sono diventati banditi che si nascondono nell’entroterra messicano. Oltre a ciò, sono particolarmente interessati ai numerosi proprietari terrieri che sfruttano i piccoli agricoltori e lavoratori e sono quindi responsabili delle loro misere condizioni di vita. Allo stesso tempo, Malpelo non evita l’omicidio a sangue freddo, come dimostra in modo impressionante con Don Vicente de Trujillo. Tuttavia, vede le sue azioni come giustificate, perché recuperano solo ciò che è state portato via una volta e, naturalmente, gli autori devono ovviamente essere puniti.

Malpelo si vede come un giudice e un giurato allo stesso tempo e condanna di conseguenza (la legge che sono e sono l’unico a cui è permesso esercitare la legge, sono l’unico). Gli ideali gli sono estranei e non gliene frega niente di Pancho Villa e della sua rivoluzione. L’unica cosa che inizialmente lo motiva ad aiutare Medina è solo la sua brama di soldi. All’inizio, si tratta di sfuggire alla sua povertà e arricchirsi. Solo nel corso della storia la testa di Malpelo inizia a lavorare, vedendo la situazione e la miseria della gente comune proprio davanti ai suoi occhi e i terribili crimini commessi dalle forze governative. Ma un vero impegno per la rivoluzione arriva solo di fronte alla morte (La rivoluzione trionferà, puoi uccidermi se vuoi, perché non sono più un bandito, sono un rivoluzionario, Viva la Revolution).

Malpelo si trova qui nella tradizione di vari altri rivoluzionari che si incarnano negli spaghetti western. Il protagonista principale è di solito un piccolo agricoltore o lavoratore, che diventa un piccolo ladro o criminale a causa delle circostanze difficili. In Giù la testa di Sergio Leone, il contadino impoverito Juan, che con tutta la sua famiglia, insegue la vita come un criminale meschino, attacca la banca di Mesa Verde, sperando in un grosso colpo. Nella banca pesantemente sorvegliata, tuttavia, non è possibile trovare denaro, ma un numero considerevole di prigionieri politici.

Quando è costretto a liberarla per continuare a cercare i soldi, diventa involontariamente un eroe e il liberato come se fosse lo stesso Pancho Villa (John: Ah, sì, sei un grande eroe della rivoluzione ora.) Viva , Miranda – Juan: Non voglio essere un eroe Tutto ciò che voglio sono i soldi!). Alla rivoluzione, non tiene molto fino a quando tutta la sua famiglia non viene massacrata. Solo allora inizia a meditare. All’inizio, anche Il Mercenario di Sergio Corbucci è interessato solo ad arricchire Paco, ma nel corso della storia diventa sempre più un rivoluzionario ed è entusiasta della causa dei senza diritti. C’è probabilmente la spiegazione più gloriosa di ciò che si deve capire da una rivoluzione mentre Paco chiede spiegazioni al mercenario polacco Kowalski al riguardo.

Il personaggio più vicino a Malpelo è sicuramente il Chuncho di Quién sabe di Damiano Damiani, che ha una vita quasi identica.

Il giovane compagno di Malpelo è interpretato da George Carvell. Non credo che ne sappia nulla. La figura femminile è interpretata da Charo Lopez, che in seguito approdò tra gli altri nei film di Pedro Almodovar e Mario Camus. Inoltre, ha vinto numerosi premi cinematografici spagnoli, nel 1997 anche l’ambita Goya come migliore attrice non protagonista in Montxo Armendáriz Secretos del corazón. Oltre a questi, sfortunatamente, non ci sono volti familiari che danno al film più autenticità.

Come aspetto molto interessante del film, compaiono i rapporti del governo con i banditi. I banditi possono essere utili fintanto che possono essere imbrigliati per i loro scopi e possono essere persuasi con taglie per sbarazzarsi di persone spiacevoli. Una volta che non sono più utili o utili a questo proposito, è sufficiente eliminarli. Allo stesso modo si voleva imbrigliare Malpelo per catturare Medina, che poi decide diversamente per vari motivi.

La direzione è piuttosto allettante ma alquanto reticente al di là di quella, tuttavia, fornita da alcune grandi scene artistiche. Per la maggior parte, il film affascina con le sue immagini decisamente cupe. Puoi anche vedere nel film che Scotese è principalmente a casa sua nella sezione documentario. La fotocamera è molto posabile e oscilla praticamente nell’area e raramente rimane statica. Questo fatto, tuttavia, conferisce al film un’atmosfera speciale, che in parte riceve effettivamente un carattere documentaristico. I set sono anche molto spartani. Gran parte della storia si svolge nel deserto, che è stato fotografato con alcuni scatti meravigliosi. Il bandito Malpelo inizia con una scena più che da vedere in cui vengono giustiziati alcuni ribelli. Alternativamente a velocità normale e al rallentatore vengono abbattuti mentre dietro di loro appare la scritta Que viva Mexico. I titoli di testa sono accompagnati da un bellissimo coro maschile, che viene ripetutamente interrotto dai colpi.

Il momento clou del film è sicuramente la famosa parte finale, che non è stata solo una messa in scena di prima classe, ma anche devastante e allo stesso tempo grottesca. Dopo che Malpelo viene giustiziato dalle forze governative, il Medina completamente esausto arriva con entusiasmo a un checkpoint dei rivoluzionari intorno a Pancho Villa. Quando la guardia scopre Medina, chiede al suo comandante: “Sta arrivando qualcuno. – Lo conosci? – no. – Quindi sparagli. Detto fatto.

Anche i dialoghi sono molto interessanti. Esistono molti dialoghi e discussioni sulla rivoluzione e sul significato della rivoluzione, nonché sui motivi dei due personaggi principali. Sembra un po ‘più approfondito rispetto ai suoi parenti di genere. Notevole la colonna sonora di Marcello Giombini. Oltre a un pezzo di tromba davvero eccezionale, la musica ha anche alcuni pezzi più belli da offrire.

Il lungo giorno della violenza è una sorpresa molto positiva per noi: abbiamo a che fare con un eccellente piccolo western rivoluzionario che ha una storia molto bella e interessante, buoni attori, un’eccellente colonna sonora e alcune idee molto carine. Il film è degno di nota, ma soprattutto a causa di un eccezionale Eduardo Fajardo nel ruolo del protagonista. Inoltre, il film dimostra che è possibile offrire anche con risorse finanziarie estremamente basse uno straordinario western, che rende anche molto visivamente. Un film che merita sicuramente di essere riscoperto.

Curiosità

 

 

Date di uscita:

Italy     9 October 1971
Spain     29 March 1973     (Bilbao)
Spain     23 July 1973     (Madrid)

Uscite all’estero

(original title)     Il lungo giorno della violenza
Spain     El bandido Malpelo

Locations

 

 

Almería, Andalucía, Spain

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
0
Actors
0
Music
0
Director
0
Average
  Loading, please wait yasr-loader

Titolo originale    Il lungo giorno della violenza
Lingua originale    italiano
Paese di produzione    Italia, Spagna
Anno    1971
Durata    100 min
Genere    western
Regia    Giuseppe Maria Scotese
Soggetto    Eduardo Manzanos Brochero, Giuseppe Maria Scotese, Marco Vecchio
Sceneggiatura    Eduardo Manzanos Brochero, Giuseppe Maria Scotese, Marco Vecchio
Produttore    Eduardo Manzanos
Casa di produzione Copercines, Cooperativa Cinematográfica / Suprania Films
Distribuzione in italiano    Jumbo Cinematografica
Fotografia    Gian Paolo Santini
Montaggio    Eugenio Alabiso, Antonio Gimeno
Musiche    Marcello Giombini
Scenografia    José Luis Galicia, Jaime Pérez Cubero
Effetti Speciali Manuel Baquero
Trucco    Manolita G. Fraile

Interpreti e personaggi

Eduardo Fajardo  Juan Cisneros ‘Malpelo’
George Carvell      Diego Medina
Charo López      Lupe
José Nieto      Captain Orozco
Sergio Doria      El Timbio
Giovanni Pallavicino  Fuentes
Miguel del Castillo   Felix Dominguez
Léa Nanni      Maruja
Antonio Cintado  Antonio Cintado
Rita Forzano      Pamela
Rafael Albaicín     Rafael Albaicín
Gian Paolo Santini     Guerrilla Commander
Rufino Inglés

Resto degli interpreti:

Ruggero Salvadori   Guerrilla Commander II (uncredited)
Sergio Serafini     Guerrillero (uncredited)
Juan Manuel Torres  (uncredited)

Doppiatori italiani

FOTO E POSTERS

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest