Il suo nome gridava vendetta

Il suo nome gridava vendetta è un film del 1968, diretto da Mario Caiano.

Trama

Davy Flanagan, reduce dalla Guerra di Secessione si ricorda di essere stato colpito al capo e di essere fuggito all’ospedale, per poi essere catturato da un cacciatore di taglie per essere consegnato alla giustizia a Dixon. Ma Davy riesce a scappare e ritorna a fare uso di armi e si reca a Dixon per far luce sul suo passato.

Recensione

 

 

Intrattenimento onesto, nobilitato dal solido mestiere di Caiano, dalla preziosa fotografia di Enzo Barboni, dalle facce collaudate dei vari Steffen, Berger, Undari, Brega. Tra sparatorie e scazzottate, Caiano riesce a impedire i cali di ritmo, novanta minuti gradevoli e ben confezionati.

La guerra di Secessione è finita da tempo e Davy Flanagan, un relitto umano che della sua vita ricorda solo di essere stato colpito al capo e di essere fuggito da un ospedale, si vede un giorno catturato da un cacciatore di taglie per essere consegnato alla giustizia nella vicina città di Dixon.

Durante il viaggio, esasperato dalle violenze che gli sono fatte, Davy strappa la pistola a quello che lo tiene prigioniero e lo uccide. Prende così coscienza di essere abile nell’uso delle armi e si reca a Dixon deciso a far luce sul suo passato. Qui viene a sapere dal giudice Sam Kellog che è ricercato come disertore dall’esercito nordista e che sua moglie, Lisa, si è risposata con un bandito, Clay Hackett. Sfuggito ad una nuova cattura, riesce a sapere da Kellog che Hackett è il vero disertore e che aveva tentato di ucciderlo sparandogli a tradimento.

Davy allora parte alla ricerca di Hackett e lo trova a capo di una banda di fuorilegge. Dapprima non è riconosciuto ma, all’arrivo di Kellog, questi svela a Hackett la vera identità di Davy. Dopo tremende avventure in cui riesce ad eliminare tutta la banda, alla fine scopre che Kellog e non Hackett è stato colui che lo ha ferito e tradito. Nell’incalzare degli eventi, Lisa uccide Hackett e Davy ha la meglio su Kellog.

Curiosità

 

 

Uscite all’estero

Italy     28 July 1968
Denmark     4 August 1969
Turkey     12 January 1970
Sweden     31 March 1970
West Germany     19 June 1970
Portugal     4 February 1971
Finland     30 June 1972
Spain     24 September 1973     (Barcelona)
Spain     14 January 1974     (Madrid)

Titoli all’ estero

GB            A Name That Cried Revenge
Brazil     O Seu Nome Clamava Vingança
Denmark     Med fingeren på aftrækkeren
Spain     Su nombre gritaba venganza
Finland     Verikostaja
France     Son nom crie vengeance
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     I ekdikisis mou einai keravnos
Portugal     O Vingador
Sweden     Blodshämnaren
Sweden     Drick ur whiskyn – lämna stan!
Turkey (Turkish title)     Intikam derler adima
USA     Man Who Cried for Revenge
West Germany (video title)     Django – Sprich dein Nachtgebet
West Germany     Django spricht das Nachtgebet

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

Il suo nome gridava vendetta
Titolo originale Il suo nome gridava vendetta
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1968
Durata 94 min
Colore colore
Audio mono
Rapporto 2,35 : 1
Genere western
Regia Mario Caiano
Sceneggiatura Mario Caiano, Tito Carpi
Produttore Bianco Manini
Casa di produzione Patry Film, Selenia Cinematografica
Fotografia Enzo Barboni
Montaggio Renato Cinquini
Musiche Robby Poitevin

Interpreti e personaggi
Anthony Steffen: Davy Flanagan
William Berger: Sam Kellogg
Ida Galli: Liza (con il nome Evelyn Stewart)
Raf Baldassarre: Jack
Mario Brega: Dirty
Eleonora Vargas:
Claudio Undari: Clay Hackett (con il nome Robert Hundar)
Fortunato Arena: Crazy Joe
Luis Barboo:
Rossella Bergamonti: Whore
Alberto Dell’Acqua:
Umberto Di Grazia: Crazy Joe Bandit
Rocco Lerro: Cray Joe Bandit
Jean Louis: Bounty Hunter
Osiride Pevarello: Pistolero
Renzo Pevarello: Bud’s Pal
Claudio Ruffini: Bud

Doppiatori italiani
Pino Locchi: Davy Flanagan
Giuseppe Rinaldi: Sam Kellogg
Vittoria Febbi: Liza
Carlo Alighiero: Jack
Corrado Gaipa: Dirty
Massimo Foschi: Clay Hackett
Vittorio Sanipoli: Crazy Joe
Luciano De Ambrosis: Crazy Joe Bandit
Roberto Bertea: Pistolero
Daniele Tedeschi: Bud

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest