Indagine su un parà accusato di omicidio

Indagine su un parà accusato di omicidio è un film francese del 1970 del regista Edouard Luntz e interpretato da Maurice Ronet.

Trama

George Garal, un rude sergente paracadutista, ex-combattente in Algeria, uccide la moglie infedele, badando a premunirsi di un alibi perfetto. La polizia, ai cui occhi Garal si è reso insospettabile, arresta come presunto assassino il giovane amante della vittima.

Dirige l’inchiesta il commissario Jaurin, un uomo introverso, trasferito da Marsiglia in provincia per punizione. Conosciutisi durante l’inchiesta, Garal e Jaurin cominciano a frequentarsi e finiscono al diventare amici. Quando Jaurin, che non aveva mai dubitato dell’estraneità di Garal al delitto teme di doversi ricredere sulla base di alcuni indizi emersi dalle indagini, ne prova sgomento, cerca confusamente di allontanare l’amico, giunge perfino a chiedergli scusa dei suoi sospetti. A questo punto, è proprio Garal a confessare a Jaurin la propria colpa. Triste e incupito, il commissario accompagna l’amico in carcere.

Recensione

 

 

La pellicola ha più di una rassomiglianza con i film di Chabrol dell’epoca, che rafforza la presenza di Michel Bouquet e Maurice Ronet (entrambi interpretati in “La Femme Infidele”).

I due protagonisti rappresentano l’Ordine, un ordine che è stato fortemente contestato, sulla scia degli eventi del maggio 68, che non erano molto indietro quando il film uscì, in realtà nell’estate del 1969. Questa ribellione mostra, più che nelle grida di persone nelle strade (le sentiamo ma non le vediamo mai), in una delle telefonate (probabilmente riluttanti) dei poliziotti all’inizio del film: “non è il nostro lavoro!”

Il titolo (= l’ultimo salto (ing)) è un accenno alla professione del personaggio di Ronet: un sergente dello staff di paracadutisti che ha finito con l’esercito dopo due guerre e torna a casa sua per trovare sua moglie che bacia un altro uomo: lo sapeva e torna di proposito? era un omicidio premeditato? Il film non è molto chiaro, ma non importa: il regista è più interessato al gioco del gatto e del topo dei due protagonisti, interpretato da due dei migliori attori dell’epoca, la regia è piuttosto debole, la femmina, il personaggio è inutile (a meno che il fatto che si consideri la scimmia personale dell’eroe nel suo “zoo” privato) e gli scrittori non sembrano voler prendere posizione (approvano la folla che si lamenta e brama la “liberazione” o supportano l’establishment? Chabrol non lascerebbe dubbi su questo!)

NB: Un cameo del defunto attore Marc Porel nei panni del giovane Bouquet arrestato durante il “Bal Du Muguet” (in Francia, il giglio della valle (= Muguet) simboleggia la lotta di classe ), un evento inutile ma che permette a Ronet dire una delle sue migliori battute al poliziotto: “si ottiene una vera scossa nel farlo a pezzi!”

Curiosità

 

 

Uscite all’estero

France     6 May 1970
Netherlands     6 August 1970
Italy     7 August 1970

Titoli all’ estero

(original title)     Le dernier saut
Brazil     O Último Salto
France (working title)     L’homme à deux têtes
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     Tin nyhta tou eglimatos
Italy     Indagine su un parà accusato di omicidio
Netherlands     Legionnair tot de dood
Portugal     A última cartada
Turkey (Turkish title)     Son atak
West Germany     Der Fallschirmspringer
World-wide (English title)     Last Leap

Locations

Coucy-les-Eppes, Aisne, France

Saint-Leu-la-Forêt, Val-d’Oise, France
(Michel Garal’s home)

Taverny, Val-d’Oise, France

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

Titolo originale    Le Dernier Saut
Lingua originale    Francese
Paese di produzione    Francia
Anno    1970
Durata    100 min
Genere    drammatico
Regia    Edouard Luntz
Soggetto    Bartolomé Bennassar
Musiche    Eugène Kurtz

Interpreti e personaggi

Maurice Ronet : Garal
Michel Bouquet : Jauran
Cathy Rosier : Florence
Eric Penet : Peras
André Rouyer : Salvade
Michel Garland : l’avvocato
Sady Rebbot : il professore
Betty Beckers : la préposée
Douchka : la cameriera
Catherine Arditi : Christiane Dancour
Albertine Bui : Tai
Michel Charrel : il padrone del caffè

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest