La coda dello scorpione

La coda dello scorpione è un film del 1971 diretto da Sergio Martino.

Trama

La signora Baumer, rimasta vedova dopo la morte del marito Kurt, a causa dell’esplosione dell’aereo su cui stava viaggiando, si reca ad Atene per riscuotere i soldi dell’assicurazione che il defunto marito aveva stipulato sulla sua vita. La donna entra così in possesso di un milione di dollari.

Ma la società assicuratrice che ha stipulato la polizza incarica l’investigatore Peter Lynch di indagare se la moglie non sia in qualche modo coinvolta nella morte del marito. E proprio nella città greca la signora Baumer viene brutalmente uccisa da un misterioso assassino, che le porta via tutto il denaro.

Il caso viene seguito, oltre che da Peter, da John Stanley, un funzionario dell’Interpol, da un commissario della polizia greca, Stavros, e in seguito anche da una giornalista francese, Cleo Dupont, divenuta amica intima di Peter. La vicenda si fa sempre più ingarbugliata a causa di una serie di delitti di persone che, in qualche modo, sono collegate a Kurt Baumer. Addirittura anche la giornalista rischia di essere ammazzata dal killer, ma si salva grazie all’aiuto di Peter.

Una serie di indagini induce la polizia a considerare il fatto che Kurt sia ancora vivo e che abbia montato tutta la storia solo per accaparrarsi i soldi. Mentre Stavros e Stanley fanno allontanare Peter e Cleo su una barca per cercare di far uscire allo scoperto l’assassino, la giovane giornalista ritrova il denaro dell’assicurazione in una grotta subacquea, nella quale si era precedentemente immerso Peter.

La giornalista, colta sul fatto da Peter, tenta di scappare; e mentre sta per essere uccisa dal killer, viene soccorsa all’ultimo momento da Stavros e Stanley, che sparano a Peter. Nel frattempo i due investigatori erano riusciti a mettere a fuoco la farsa inscenata da Peter, tutto fatto per intascarsi il milione di dollari di Kurt.

Commento

Altro buonissimo lavoro di Sergio Martino, che compensa l’incolmabile lacuna della defezione di Edwige (ma le signore presenti sono di gran classe) con la consueta accuratezza della messa in scena.  Piccolo gioiello del “giallo” italiano, girato con eleganza e stile, caratteristiche -queste- riscontrabili nel Martino “touch”.

Il film, pur subendo l’influenza del giallo (come titolo allude) alla “Dario Argento”, si distingue per una narrazione ibrida: c’è il noir, c’è l’erotismo tipico del Lenzi “paranoico” e ci sono interpreti che offrono, con rara intensità, performance indimenticabili (Hilton, Strindberg, Pistilli e la Stewart). Né mancano una buona dose di cinema estremo (l’omicidio con bottiglia) e una bella soundtrack. Una vera e propria prova di regia l’omicidio della Reynaud. Tom Felleghy è un notaio.

Locations

L’appartamento di Londra in cui vive Lisa Baumer (Galli), beneficiaria della polizza sulla vita del defunto marito è la solita suite Petronius all’Hotel Hilton Rome Cavalieri sito in Via Alberto Cadlolo 101 a Roma. Grazie a Andygx per la descrizione. Qui un confronto con Tenebre (1982), a cui rimandiamo per la dimostrazione.

cosco1

 

 

 

 

(fonte davinotti http://www.davinotti.com/)

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]

 

Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader
FOTO E POSTERS

 

Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Spagna
Anno 1971
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere giallo, thriller
Regia Sergio Martino
Soggetto Eduardo Manzanos Brochero
Sceneggiatura Eduardo Manzanos Brochero, Ernesto Gastaldi, Sauro Scavolini
Produttore Luciano Martino
Casa di produzione Devon Film, Copercines
Distribuzione (Italia) Titanus
Fotografia Emilio Foriscot
Montaggio Eugenio Alabiso
Musiche Bruno Nicolai
Scenografia Jaime Pérez Cubero, José Luis Galicia
Costumi Luciana Marinucci
Trucco Mario Van Riel
Interpreti e personaggi
George Hilton: Peter Lynch
Anita Strindberg: Cleo Dupont
Alberto de Mendoza: John Stanley
Janine Reynaud: Lara Florakis
Luis Barboo: Sharif
Tom Felleghy: Mr. Brenton
Annalisa Nardi: presentatrice
Tomas Picot: George Barnet
Evelyn Stewart: Lisa Baumer
Luigi Pistilli: commissario Stavros
Franco Caracciolo: passante in bicicletta
Fulvio Mingozzi: Kurt Baumer

Facebooktwittergoogle_pluspinterest