La polizia ringrazia

La polizia ringrazia è un film poliziesco del 1972 diretto da Stefano Vanzina e interpretato da Enrico Maria Salerno.

Trama

Due giovani tentano una rapina ai danni di una gioielleria e, a causa della sua resistenza, ne uccidono la proprietaria, freddando anche un operaio che cercava di fermarli. Incaricato di risolvere il caso è il commissario Bertone e la polizia riesce a individuare uno dei due rapinatori, ma il giovane viene ucciso da una oscura associazione, la quale successivamente assassina altri banditi, nel quadro di un disegno più ampio, ossia portare l’opinione pubblica a sostenere i metodi utilizzati da tale associazione, allo scopo di mettere in atto un vero e proprio colpo di stato per permettere l’instaurazione di una dittatura.

Bertone nel frattempo viene posto sotto inchiesta dall’integerrimo sostituto procuratore della Repubblica Ricciuti, con l’accusa di avere permesso o favorito il pestaggio di un pregiudicato da parte di alcuni uomini della sua squadra, ma lentamente, e con l’aiuto di Sandra, una giornalista sua amica, egli riesce a risalire ai membri ed ai sostenitori di questa particolare associazione, tra i quali figura anche l’ex questore Stolfi suo amico. Il commissario tuttavia viene tradito dal suo collega Santalamenti, anch’egli membro dell’organizzazione, e, mentre sta per arrestare Stolfi, viene ucciso.

Una volta rinvenuto il suo cadavere, il procuratore Ricciuti, ormai convintosi della tesi di Bertone, decide di portare avanti le indagini, mostrando la sua determinazione nel perseguire anche le importanti personalità legate all’associazione.

Commento

Questo film racconta la storia di un’organizzazione segreta di ex agenti di polizia, che vanno oltre la legge per uccidere criminali famosi senza processo. Un ispettore di polizia (prestazione intensa: Enrico Maria Salerno) cerca di fermarli, ma l’avvocato (Mario Adorf) non è convinto dalle sue teorie cospirative, quindi l’ispettore è fondamentalmente da solo e non può fidarsi di nessuno.

Sembra un po ‘come “Magnum Force” di Clint Eastwood, pubblicato più di un anno dopo. Così nel 1972, “La Polizia ringrazia” deve essere sembrato provocatorio e piuttosto originale. Più che una semplice storia del crimine, si discute di argomenti politici e sociali come la pena di morte, quando l’ispettore sottolinea di aver avuto durante gli anni del fascismo, o la conferenza stampa sull’autobus sulla protezione della prostituzione . Il regista Steno è conosciuto soprattutto per le sue commedie con Toto o Bud Spencer: un film oscuro e pessimistico per lui insolito. La minacciosa colonna sonora per gentile concessione di Stelvio Cipriani si aggiunge all’effetto, poiché gli accordi semplici, ripetitivi e quasi brutali si adattano alla violenza sullo schermo. Un’intelligente opera del cinema che supera la prova del tempo, 40 anni dopo, molto bene, perché evita soprattutto i cliché di genere.

Curiosità

 

 

Solo in questo film e nel successivo Anastasia mio fratello, il regista Steno si è firmato con il suo vero nome, cioè Stefano Vanzina, poiché lo pseudonimo era troppo legato alla commedia mentre i due film sono drammatici.

Premi

1972 – Festival Internazionale del Cinema di San Sebastián
Concha de Plata – Stefano Vanzina

Uscite all’ estero

Italy     25 February 1972
West Germany     17 November 1972
Denmark     5 March 1973
Finland     16 March 1973
Japan     23 November 1973
Hungary     24 January 1974
Portugal     18 June 1974
USA     October 1976
Poland     14 February 1977

Titoli all’ estero

Bulgaria (Bulgarian title)     Полицията благодари!
Brazil     A Polícia Agradece
Denmark     Fra politiet med tak
Spain     La policía agradece
Finland     Alamaailman teloittajat
France     Société anonyme anti-crime
UK     The Enforcers
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     Adistakta moutra
Greece (video title)     Apo tin astynomia me agapi
Hungary     A rendőrség megköszöni
Norway     Fra politiet med takk
Poland     Policja dziekuje
Portugal     Escândalo de Um Crime
USA     Execution Squad
West Germany     Das Syndikat

 

Locations

 

 

Roma

 

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]

 

Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

Titolo originale La polizia ringrazia
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia, Germania
Anno 1972
Durata 94 min
Genere poliziesco, drammatico
Regia Stefano Vanzina
Soggetto Stefano Vanzina (come Steno), Lucio De Caro
Sceneggiatura Stefano Vanzina (come Steno), Lucio De Caro
Produttore Roberto Infascelli
Casa di produzione Primex Italiana, Dieter Geissler Filmproduktion
Distribuzione (Italia) PAC
Fotografia Riccardo Pallottini
Montaggio Roberto Perpignani
Effetti speciali Lamberto Anzellotti
Musiche Stelvio Cipriani
Scenografia Nicola Tamburro
Trucco Lamberto Marini

Interpreti e personaggi

Enrico Maria Salerno: il commissario Bertone
Mariangela Melato: Sandra
Mario Adorf: il sostituto procuratore Ricciuti
Cyril Cusack: l’ex questore Stolfi
Franco Fabrizi: Francesco Bettarini
Laura Belli: Annamaria Sprovieri, la ragazza rapita
Jürgen Drews: Michele Settecamini
Ezio Sancrotti: il vice commissario Santalamenti
Corrado Gaipa: l’avvocato Armani
Giorgio Piazza: il Ministro dell’Interno
Piero Tiberi: Mario Staderini
Diego Reggente: un giornalista
Ada Pometti: la sorella di Staderini
Sergio Serafini: un giornalista
Fortunato Cecilia: il vigile urbano
Ferdinando Murolo: il capo della squadra di giustizieri
Gianfranco Barra: l’agente Esposito
Romualdo Buzzanca
Giovanna Di Vita: la madre di Staderini
Riccardo Mangano
Franco Meroni
Rosemarie Lindt: una prostituta
Corrado Solari: un arrestato
Gianni Solaro: il capo della polizia
Franz Von Treuberg: un giornalista
Luciano Bonanni: Raf Valenti (non accreditato)
Aldo Rendine: un carabiniere (non accreditato)
Piero Tiberi: Mario
Giorgio Piazza: Ministro

Doppiatori originali

Pino Locchi: il sostituto procuratore Ricciuti
Gualtiero De Angelis: l’ex questore Stolfi
Arturo Dominici: il vice commissario Santalamenti
Sergio Fiorentini: l’agente Esposito
Manlio De Angelis: il vigile urbano

FOTO E POSTERS

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest