La tarantola dal ventre nero

La tarantola dal ventre nero è un film del 1971 diretto da Paolo Cavara.

È uno dei film dal “titolo zoologico” nato sulla scia de L’uccello dalle piume di cristallo di Dario Argento.

Trama

Il commissario Tellini indaga sull’omicidio di una donna di nome Maria Zani, il cui ventre è stato orribilmente mutilato. La Zani, nota per essere una ninfomane, era stata poco prima ricattata da un misterioso individuo il quale era in possesso di foto che la ritraevano con il suo amante. Il marito della Zani, Paolo, primo sospettato per la morte della moglie, decide di investigare assoldando “Catapulta”, un investigatore privato perché individui chi sia l’amante della moglie, che si scopre essere il fotografo Mario.

 

COMPRA IL FILM IN ITALIANO SU AMAZON

 

Tempo dopo la proprietaria di una pellicceria, Mirta Ricci, viene uccisa con le stesse modalità della vittima precedente: l’omicida agisce similmente a come una particolare vespa fa con la tarantola, ovvero paralizzando la vittima con un lungo spillone nel collo per poi ucciderla brutalmente e farne scempio. Mirta e Maria non restano le uniche vittime: Paolo Zani e il fotografo Mario muoiono, una terza donna, Franca Valentino, viene assassinata e il commissario scopre infine che il fotografo era in realtà un ricattatore; di lì a poco una quarta donna, la massaggiatrice Jenny, viene uccisa.

BUY DVD IN ENGLISH

 

Il commissario Tellini scopre che tutte le vittime erano state clienti dello stesso salone per massaggi di proprietà di Laura, bella trentenne milanese.

Commento

Ottimo giallo di Cavara, che si distingue per il metodo con cui vengono compiuti i delitti (un ago che paralizza la vittima che viene squartata quando non può più muoversi). Il plot giallo è solidissimo e fuorvia in modo intelligente lo spettatore varie volte (è difficile capire l’identità dell’omicida).

Lui è un buon marito e un discreto poliziotto (intelligente ma molle e sbadato); lei una moglie adorabile che ama il marito, il gatto e la tranquillità. L’altro è l’assassino, il quale oltre ad uccidere si diverte a filmare il sacro amore coniugale che andrà mostrato al commissariato.

Un film con molte carte in regola: l’ambientazione nella Beauty farm; “l’intrusione” nel genere di due attori di “fascia A” come Giannini e la Sandrelli; una notevole sfilata di corpi femminili (Bouchet su tutte) contrappuntata da un discreto novero di caratteristi (il Ginetto di Walter è speciale); la soundtrack da sussurro orgasmico di Morricone.

Locations

 

 

 

Via Ennio Quirino Visconti nel quartiere “Delle Vittorie”.

Viale dell’Aeronautica 7

Viale Rembrandt a Roma.

Viale Libano 68

 

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 4]

 

Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

FOTO E POSTERS

 

Titolo originale     La tarantola dal ventre nero
Lingua originale     italiano
Paese di produzione     Italia, Francia
Anno     1971
Durata     100 min
Colore     colore
Audio     sonoro
Genere     giallo, thriller
Regia     Paolo Cavara
Soggetto     Marcello Danon
Sceneggiatura     Lucille Lukas
Produttore     Marcello Danon
Casa di produzione     Da.Ma Film (Roma), P.a.c. (Parigi)
Distribuzione (Italia)     C. I. C.
Fotografia     Marcello Gatti
Montaggio     Mario Morra
Musiche     Ennio Morricone
Scenografia     Piero Poletto
Trucco     Alvaro Rossi, Amato Gabrini

Interpreti e personaggi

Giancarlo Giannini: commissario Tellini
Claudine Auger: Laura
Barbara Bach: Jenny
Silvano Tranquilli: Paolo Zani
Stefania Sandrelli: Alba Tellini
Barbara Bouchet: Maria Zani
Anna Saia: amica di Maria Zani
Annabella Incontrera: Mirta Ricci
Eugene Walter: Ginetto
Rossella Falk: Franca Valentino
Ezio Marano: massaggiatore
Guerrino Crivello: testimone
Giancarlo Prete: Mario
Nino Vingelli: ispettore Di Giacomo
Daniele Dublino: entomologo
Giuseppe Fortis: psichiatra
Fulvio Mingozzi: medico chirurgo
Giorgio Dolfin: poliziotto
Carla Mancini: cliente della beauty farm
Eleonora Giorgi: cameriera della beauty farm
Ettore Mattia: Catapulta

Facebooktwittergoogle_pluspinterest