Ognuno per sé

Ognuno per sé è un film del 1968, diretto da Giorgio Capitani.

Trama

Dopo lunghi anni di lavoro, Sam Cooper, un cercatore d’oro, riesce a scoprire una vena aurifera. Non potendo portare tutto l’oro con sé, Sam è costretto a far saltare l’entrata della miniera e a tornare al villaggio. Qui è raggiunto dal figlioccio che egli ha in precedenza mandato a chiamare perché possa aiutarlo a trasportare l’oro. Il figlioccio di Sam giunge assieme a uno strano individuo che sembra dominarne la volontà e Cooper, pur non fidandosi del nuovo venuto, è costretto ad accettarlo nella spedizione. Al terzetto ben presto si unisce un altro uomo, un vecchio amico di Sam.

I quattro raggiungono la miniera e dopo un duro lavoro per recuperare l’oro, riprendono la via del territorio. Ma ben presto nel gruppo nascono diversi motivi di contrasto che si concludono con la morte dei tre collaboratori di Sam. Così soltanto questi riesce a raggiungere il villaggio con il carico d’oro.

Recensione

 

 

Uno tra i migliori spaghetti western della storia del cinema. Se sei un fan del genere cinematografico western , probabilmente hai già visto i classici “Shane” e “Un treno per Yuma”, con Van Heflin in ruoli di spicco. La sorpresa di “The Ruthless Four” è che Heflin lascia entrambe le precedenti caratterizzazioni saldamente nella polvere con un forte ruolo da protagonista come Sam Cooper, un cercatore d’oro brizzolato che è accompagnato da un trio di partner .

Verso la fine della sua carriera, Heflin fa di tutto per dare una prestazione degna di nota e facciamo fatica a trovarne un’altra che fosse migliore di questa.

Van Heflin è eccellente in uno dei suoi ultimi ruoli; sia Gilbert Roland (lui stesso un veterano di Hollywood) e soprattutto George Hilton hanno fatto la loro giusta parte di film  wester, ma è lecito ritenere che non siano mai stati migliori di qui; Klaus Kinski, quindi, ha un ruolo tipicamente enigmatico per il quale sfoggia numerosi eccentrici “costumi” (dall’abito del predicatore alle sfumature a un impermeabile sopra la testa e persino un turbante improvvisato!).

Parlando della partnership tra Hilton e Kinski, anche dopo aver dimostrato che persona detestabile è, Kinski sembra avere ancora una strana presa su di lui!

Una scena particolarmente divertente si presenta nella missione Roland fa una breve danza di flamenco, anticipando una sparatoria.

Mi sarebbe piaciuto essere stato una mosca sul muro durante la realizzazione di questo film per assistere all’interazione tra il pazzo Klaus Kinski e i vecchi ragazzi di Hollywood Heflin e Roland!

Il film è stato co-sceneggiato da Fernando Di Leo (un normale di Spaghetti Western in questo periodo ma che non ha mai realmente contribuito al genere dopo essersi laureato al regista!) E Augusto Caminito (che, come regista a sé stante, avrebbe realizzato un paio di foto con Kinski verso la fine della vita dell’attore. Curiosamente, anche il coproduttore Luciano Ercoli diventerà successivamente un regista, dimostrandosi un notevole esponente della forma Giallo.

Klaus Kinski, George Hilton, Gilbert Roland e Van Heflin sono tutti eccezionali, come ci si aspetterebbe, in questo film. Kinski è perfetto per la parte di “The Blond”, un bizzarro personaggio sadico che si veste come un predicatore perché gli piace, non perché sta cercando di posare per qualcuno. Nessun altro nel film sembra pensare che sia strano, anche se il personaggio di Hilton ridacchia un po ‘quando una vecchia chiama Kinski “Padre”.

La colonna sonora è OK, anche se avrebbe potuto essere migliore. È buona in alcune parti quando sembra appartenere a uno spaghetti western, ma sembra più Hollywoodiana che  registrata a Roma.

Curiosità

 

 

Uscite all’ estero

Italy     9 February 1968
West Germany     6 August 1968
Austria     September 1968
Finland     18 July 1969
Sweden     11 August 1969
Turkey     October 1969
USA     November 1969
USA     11 March 1970     (Fargo, North Dakota)
Spain     27 July 1970
Norway     14 December 1970     (Oslo)
France     28 April 1971

Titoli all’ estero

Sam Cooper’s Gold
The Goldseekers
Argentina     Los cuatro despiadados
Austria     Das Gold von Sam Cooper
Australia     The Ruthless Four
Belgium (French title)     Chacun pour soi
Brazil     Os Quatro Malvados
Brazil (reissue title)     Os Quatro Vingadores
Canada (English title)     The Ruthless Four
Chile     Los cuatro despiadados
Colombia     Los cuatro despiadados
Spain     Los profesionales del oro
Finland     Tähtää tarkasti – tapa varmasti
France     Chacun pour soi
UK     Every Man for Himself
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     O kathenas gia ton eafto tou
Mexico     Los cuatro despiadados
Norway     Sam Coopers Gull
New Zealand (English title)     The Ruthless Four
Portugal     A Fúria do Ouro
Romania     Fiecare pentru el
Sweden     Den grymma jakten
Soviet Union (Russian title) (transliterated ISO-LATIN-1 title)     Kazhdyy za sebya
Soviet Union (Russian title)     Каждый за себя
Turkey (Turkish title)     Profesyonellerin intikami
USA     The Ruthless Four
Venezuela     Los cuatro despiadados
West Germany     Das Gold von Sam Cooper
Yugoslavia (Serbian title)     Zovu me stranac
South Africa (English title)     The Ruthless Four

 

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

Titolo originale Ognuno per sé
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Germania Ovest
Anno 1968
Durata 96 min
Colore colore
Audio mono
Rapporto 2,35 : 1
Genere western
Regia Giorgio Capitani
Sceneggiatura Augusto Caminito, Fernando Di Leo
Produttore Luciano Ercoli, Alberto Pugliese
Casa di produzione Produzioni Cinematografiche Mediterranee, Richard Eichberg-Film GmbH
Fotografia Sergio D’Offizi
Montaggio Renato Cinquini
Musiche Carlo Rustichelli
Scenografia Franco Bottari
Trucco Giulio Natalucci

Interpreti e personaggi

Van Heflin: Sam Cooper
Gilbert Roland: Mason
Klaus Kinski: Brent il Biondo
George Hilton: Manolo Sanchez
Sarah Ross: Anna
Federico Boido: Bandito
Sergio Doria: Bandito
Ivan Scratuglia: Bandito
Giorgio Gruden: impiegato alla drogheria
Hardy Reichelt: Lewis
Doro Corra: Pistolero

Doppiatori italiani

Corrado Gaipa: Sam Cooper
Renato Turi: Mason
Sergio Graziani: Brent il Biondo
Luigi La Monica: Manolo Sanchez
Rita Savagnone: Anna
Luciano De Ambrosis: Bandito
Manlio De Angelis: Bandito
Giampiero Albertini: Pistolero
Vinicio Sofia: Lancaster
Ferruccio Amendola: Chang
Carlo Alighiero: Commerciante
Sergio Tedesco: Portiere d’albergo

 

FOTO E POSTERS

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest