Qualcosa striscia nel buio

Qualcosa striscia nel buio è un film del 1970 diretto da Mario Colucci.

Trama

Nel corso di una notte di uragano due automobili si inseguono pazzescamente lungo una strada di campagna sino a che la caduta di un ponte non le blocca. In tal modo l’ispettore Wright riesce a mettere le mani su Spike, un assassino maniaco. Altre macchine sono costrette dalla circostanza a fermarsi e diverse persone cercano ospitalità nella villa più vicina: un medico e il suo assistente, un borghese con sua moglie, un professore di filosofia, l’ispettore, l’assassino e l’agente Sam.

COMPRA DVD ITALIANO

Il guardiano della villa, Joe, ricorda la morte della propria amante e così qualcuno ha la malaugurata idea di impostare una seduta spiritica. Un tuono la interrompe, ma accadono fatti strani come se lo spirito fosse rimasto incarnato in qualcuno. Il borghese uccide la moglie e se stesso; Spike elimina Sam. L’alba porta soccorritori e fine dell’incubo.

Recensione

Questo è un pezzo horror tanto quanto giallo poiché coinvolge una riunione provocata da una seduta spiritica condotta a notte fonda. Il cast è abbastanza interessante non solo mescolando nomi familiari / internazionali (oltre a Farley Granger, gli italiani Lucia Bose’, Stelvio Rosi e Giacomo Rossi-Stuart) con facce sconosciute, ma ce ne sono anche un paio dietro le quinte (il produttore Dino Fazio e il celebre compositore Angelo Francesco Lavagnino, che fornisce anche una bella colonna sonora) nei ruoli significativi rispettivamente di ispettore di polizia e professore / occultista!

La trama è la tipica routine della “vecchia casa oscura” che riunisce una miriade di personaggi, bloccati dal maltempo in un ambiente remoto e ostile (aggiungendo molta atmosfera); richiamando il tanto ricordato prototipo di “And Then There Were None” di Agatha Christie, piuttosto che la formula tradizionale di stalk’n’slash, si tratta di una sorta di offerta per antonomasia (sottovalutata in modo ingiustificato) a questo riguardo. A proposito, la nozione di avere lo spirito inpossessarsi di membri della famiglia a sua volta per commettere un caos, sarebbe stata adottata da Hollywood molto più tardi per altri film (2003)! La ancora attraente (ed ex Miss Italia) Bose ‘era in qualche modo di questi tempi, coinvolta in due sforzi ugualmente notevoli (e allo stesso modo strani) come the double di Romolo Guerrieri (1971) e L’ARCANA di Giulio Giulio Questi,estremamente raro di questi (1972); sfortunatamente, il suo personaggio è fatto morire a metà film, ma l’attrice da una forte interpretazione nel film. Idem Granger, insolitamente gettato qui come un criminale incallito, mantiene quasi l’aspetto giovanile che aveva servito così bene il veterano di Hollywood nel suo periodo di massimo splendore; il meraviglioso, anche se piuttosto brusco, finale del film l’ha visto come l’ultimo “ragazzo caduto” del fantasma, ad adottare una frase noir (un genere che tendeva a suscitare il meglio dall’attore).

Curiosità

 

 

Aka “Shadows in the dark”, “Something creeping in the dark”. Tra gi attori appare anche l’autore delle musiche Angelo Francesco Lavagnino doppiato da Gualtiero De Angelis.

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

Titolo originale Qualcosa striscia nel buio
Anno 1970
Durata 90
Origine ITALIA
Colore C
Genere HORROR
Specifiche tecniche EASTMANCOLOR
Produzione AKLA PRODUCTIONS
Distribuzione REGIONALE (1971) – AVO FILM
Vietato 18
Regia Mario Colucci
Soggetto Mario Colucci
Sceneggiatura Mario Colucci
Fotografia Giuseppe Aquari
Musiche Angelo Francesco Lavagnino
Montaggio Enzo Micarelli
Scenografia Silvano Pani
Costumi Massimo Bolongaro

Interpreti e personaggi

Farley Granger (Spike)
Lucia Bosé (Sylvia Forrest)
Giacomo Rossi Stuart (Donald Forrest)
Stelvio Rosi (Dott. Williams)
Mia Genberg (Susan West)
Gianni Medici (Joe)
Giulia Rovai (Fidanzata Di Joe)
Franco Beltramme (Sam)
Dino Fazio (Ispettore Wright)
Francesco Lavagnino (Prof. Lawrence)
Loredana Nusciak

Doppiatori italiani

Giacomo Rossi Stuart e’ doppiato da Pino Locchi
Lucia Bose’ e’ doppiata da Rita Savagnone
Farley Granger e’ doppiato da Sergio Graziani
Dino Fazio e’ doppiato da Carlo Alighiero
A. F. Lavagnino e’ doppiato da Gualtiero De Angelis
Mia Genberg e’ doppiata da Vittoria Febbi
Stelvio Rosi e’ doppiato da Cesare Barbetti
Gianni Medici e’ doppiato da Glauco Onorato

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest