I 4 dell’Ave Maria

I quattro dell’Ave Maria è un film del 1968 diretto da Giuseppe Colizzi.

Fra i più celebri western all’italiana, è il secondo capitolo della trilogia del regista iniziata con Dio perdona… io no! e conclusa con La collina degli stivali. Alla collaudata coppia Bud Spencer e Terence Hill del primo film Colizzi affianca, in un ruolo di primissimo piano, l’istrionico Eli Wallach già sperimentato con successo da Sergio Leone per Il buono, il brutto, il cattivo.

COMPRA IL DVD IN ITALIANO SU AMAZON

I Quattro Dell’Ave Maria [Italian Edition] by terence hill

 

Trama

Cat Stevens e Hutch Bessy sono reduci dalla caccia a Bill Sant’Antonio. Il bandito è saltato in aria, e la mancata prova della sua morte impedisce loro d’incassare la taglia sulla sua testa. Restituiscono allora alla Harold’s Bank i trecentomila dollari in oro trafugati dal fuorilegge e a suo nome si presentano dal presidente. Accettando di riceverli, questi si svela complice del bandito e s’espone alla loro pretesa d’ottenere come ricompensa la sua parte nelle rapine di Sant’Antonio.

Ricevuta una grossa somma in oro, Cat e Hutch s’apprestano a lasciare la città. Harold, però, intende recuperare quanto sborsato, e a tal fine si reca in carcere per ingaggiare un vecchio complice, Cacopoulos, già condannato all’impiccagione. Il galeotto accetta e viene fatto evadere, ma mentre esce di prigione s’avvede che l’aiuto sceriffo è stato assassinato con il suo coltello. Raggiunge allora il banchiere per provocarlo, finché Harold tenta d’ucciderlo e viene freddato.

Cacopoulos è uno strano bandito, nipote d’un commerciante di pelli greco che aveva avuto una relazione con un’indiana Cherokee e che l’aveva allevato dopo la morte del padre. Ha l’abitudine di maneggiare sempre un rosario, a volte di sgranarlo, specie quando spara. Dopo una fruttuosa rapina in banca è stato tradito dai tre complici, che l’hanno lasciato catturare e marcire nelle galere per quindici anni, mentre loro si sono tutti arricchiti. Harold, in particolare, aveva atteso che egli fosse rilasciato per farlo incolpare d’un altro delitto (commesso proprio con il suo coltello, appositamente sottrattogli) e ottenere la sua condanna a morte.

Quella nei confronti di Harold è infatti solo la prima d’una serie di vendette che Cacopoulos dovrà compiere nei confronti dei vecchi amici. Prima, comunque, s’impadronisce dell’oro di Stevens e Bessy, lasciandoli anche a piedi in una landa desolata. Quando i due raggiungono la prima abitazione, scoprono per la prima volta che il rapinatore dilapida il loro denaro offrendolo a chiunque incontri sul suo cammino.

Cacopoulos intanto è sceso in paese in compagnia del funambolo Thomas, abile pistolero, poi è subito ripartito alla volta del Messico. Cat e Hutch lo rintracciano oltre frontiera. Il bandito, però, ha messo l’oro al sicuro e propone a Hutch di unire le forze per completare la sua vendetta, promettendo di restituirgli il bottino alla fine. Costretto ad accettare, Hutch aiuta Cacopoulos a vendicarsi dell’ex complice Paco. Per farlo devono tuttavia violare il fortino dove Paco, in veste di giudice, sta condannando alla fucilazione alcuni ribelli.

Finiti sul patibolo, vengono liberati grazie a una banda di peones, ingaggiati da Cat dietro promessa d’una ricompensa e capeggiati da Cangaceiro. Per evitare di spartire il denaro fra tutti, i tre si mettono in fuga. Cacopoulos gioca un altro tiro ai soci lasciandoli di nuovo a piedi. Cat e Hutch si rimettono sulle sue tracce e lo ritrovano ancora, in compagnia di Thomas, a Fair City, dove l’ultimo ex amico Drake gestisce una casa da gioco.

Cacopoulos nel frattempo ha perso tutto al casinò, ma ha anche scoperto che la roulette è truccata. Compreso il meccanismo della truffa, tutti e quattro s’accordano di sostituirsi ai complici di Drake l’indomani, all’ora dell’Ave Maria. Il piano viene smascherato quando Cacopoulos ha già vinto una grossa somma. Ma anche gli avventori del casinò ormai sono venuti a conoscenza del trucco ai loro danni. Drake e i suoi soci sono costretti a pagare e a misurarsi in duello con i quattro dell’Ave Maria. I soci vengono uccisi. Solo Cacopoulos risparmia l’antico amico, al quale doveva essere particolarmente legato, disarmandolo. Lo lascia così nelle mani dei truffati e, presto, del boia.

Recensione

I Quattro dell’Ave Maria (titolo originale) è un divertente Spaghetti Western interpretato dalla famigerata coppia italiana Hill e Spencer, pre-Trinity e Bambino. I piacevoli Terence Hill e Bud Spencer interpretano ancora una volta il duo coraggioso e divertente,  rendendo questo film d’avventura pieno di scazzottate,  azione,  sparatorie e intrattenimento.

L’umorismo si basa sulle differenze fisiche e personali dei protagonisti, come Terence Hill è l’eroe simpatico e coraggioso Bud Spencer è l’uomo corpulento e coraggioso. Terence Hill e Spencer non ancora personificati nei personaggi dell’eroe di Trinità. Tuttavia, essendo il grande attore che era, e’ Eli Wallach che ruba la scena come Cacopoulus, un ruolo simile a Tucco gia’ visto in «il buono, il brutto e il cattivo».

Nel film appaiono caratteristi che interpretavano personaggi ordinari come cattivi in numerose pellicole spagnole e italiane come Livio Lorenzon come Paco Rosa, Steffen Zacharias come Harold, Rick Boyd come il biondo di Drake, Bruno Corazzari come Charlie, Frank Braña e Riccardo Pizzuti, abituale avversario nei film Hill-Spencer. Il film è finemente fotografato dal direttore della fotografia Marcello Masciocchi, e naturalmente è girato in Almeria, in Spagna, dove sono stati girati centinaia di western negli anni ’60 e ’70. Commento musicale evocativo e atmosferico del solito Carlo Rustichelli, condotto da Bruno Nicolai, collaboratore ordinario di Ennio Morricone.

Il film fu regolarmente diretto e prodotto da Giuseppe Colizzi. Giuseppe ha diretto una trilogia interpretata da Hill e Spencer. La prima pellicola, che e’ anche la migliore girata, è stata “Dio Perdona io no” con Frank Wolf e Jose Luis Martin; questo secondo film è intitolato ¨I 4 dell’ Ave Maria¨ o ¨Ace high¨ con il grande Eli Wallach e altri attori; e il terzo è “La collina degli stivali” con Woody Strode, Eduardo Ciannelli, George Eastman, Alberto DellÁcqua e Romano Puppo.

Curiosità

 

 

Uscite all’estero

Italy     31 October 1968
USA     3 September 1969
West Germany     3 October 1969
Sweden     29 October 1969
France     12 November 1969
Netherlands     24 December 1969
Finland     13 February 1970
Denmark     6 March 1970
Ireland     5 June 1970
Norway     29 June 1970
Hong Kong     3 December 1970
Portugal     10 September 1971
Japan     23 October 1971
Turkey     19 December 1973
Hungary     23 November 1991     (TV premiere)

Titoli all’ estero

Four Gunmen of Ave Maria
Revenge at El Paso
Revenge in El Paso
Bulgaria (Bulgarian title)     Четиримата от Аве Мария
Brazil (alternative title)     Os 4 da Ave Maria
Brazil     Os Quatro da Ave Maria
Canada (English title)     Ace High
Czechoslovakia (Slovak title)     Tromfové eso
Czechoslovakia (Czech title)     Trumfové eso
Denmark     Hævneren fra El Paso
Spain (Catalan title)     Els quatre bergants
Spain     Los cuatro truhanes
Finland     Luojan lähettiläät
Finland     Tappava hymy
France     Les quatre de l’Ave Maria
UK     Ace High
UK     Have Gun Will Travel
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     Oi 4 tou Ave Maria
Hungary     A Pirinyó, a Behemót és a Jófiú (Bosszú El Pasóban)
Ireland (English title)     Revenge in El Paso
Netherlands     Ace High
Peru     Los 4 del Ave María
Portugal     O Ás Vale Mais
Romania     Cei patru de Ave Maria
Sweden     Ess i topp
Slovenia     Stirje asi
Slovenia (alternative title)     Stirje v igri
Slovakia     Tromfové eso
Soviet Union (Russian title)     Козырной туз
Turkey (Turkish title)     Bize Trinita Derler
USA     Ace High
West Germany     Vier für ein Ave Maria

Locations

 

 

Almería, Andalucía, Spain

Elios Studios, Rome, Lazio, Italy

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
2
Actors
2
Music
2
Director
2
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

 

Paese di produzione Italia, Spagna, Germania
Anno 1968
Durata 132 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere western, azione
Regia Giuseppe Colizzi
Soggetto Giuseppe Colizzi
Sceneggiatura Giuseppe Colizzi
Produttore Bino Cicogna e Giuseppe Colizzi
Fotografia Marcello Masciocchi
Montaggio Marcello Malvestito
Effetti speciali Erasmo Bacciucchi
Musiche Carlo Rustichelli
Scenografia Gastone Carsetti

Interpreti e personaggi
Eli Wallach: Cacopoulos
Terence Hill: Cat Stevens
Bud Spencer: Hutch Bessy
Brock Peters: Thomas
Kevin McCarthy: Drake
Livio Lorenzon: Paco
Steffen Zacharias: Harold
Remo Capitani: Cangaceiro
Armando Bandini: direttore della banca
Bruno Corazzari: Charlie
Tiffany Hoyveld: moglie di Thomas
Francisco Brana: uomo con Jail Kay
Corrado Olmi: bandito
Riccardo Pizzuti: scagnozzo di Drake
Federico Boido: scagnozzo di Drake

Doppiatori italiani
Carlo Romano: Cacopoulos
Sergio Graziani: Cat Stevens
Glauco Onorato: Hutch Bessy
Ferruccio Amendola: Thomas
Pino Locchi: Drake
Giampiero Albertini: Paco
Roberto Bertea: Harold
Cesare Polacco: Cangaceiro
Elio Pandolfi: direttore della banca
Luciano De Ambrosis: Charlie
Vittoria Febbi: moglie di Thomas
Daniele Tedeschi: uomo con Jail Kay
Sergio Tedesco: bandito
Vittorio Stagni: fotografo
Lauro Gazzolo: proprietario del ranch
Pino Colizzi: figlio del proprietario del ranch
Gianfranco Bellini: impiegato in banca

 

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest