Quei disperati che puzzano di sudore..

Quei disperati che puzzano di sudore e di morte, film spagnolo e italiano del 1969 diretto da Julio Buchs.

È un film western con Ernest Borgnine, George Hilton e Annabella Incontrera. È uno spaghetti western co-prodotto tra Spagna (dove è stato distribuito come Los Desperados) e Italia.

Il film, diretto da Julio Buchs su una sceneggiatura e un soggetto dello stesso Buchs e di Federico De Urrutia e José Luis Martínez Mollá, fu prodotto da Atlántida Films, Daiano Film e Leone Cinematografica e girato a Lucainena de las Torres in Spagna.

 

Trama

Accusandolo di mirare alle sue terre, il ricco don Pedro Sandoval ha impedito che un suo giovane dipendente, John Warner, sposasse sua figlia Rosa. Arruolatosi nell’esercito sudista, John apprende, alla vigilia di un’importante battaglia, che la ragazza, in procinto di dargli un figlio, è in pericolo di vita: perciò abbandona nottetempo il campo per correre al suo capezzale, ma viene scoperto e condannato a morte per diserzione.

Riuscito a fuggire con l’aiuto di due commilitoni, Sam e Lucky Boy, che decidono di seguirlo, raggiunge la città di Los Cedros: ma Rosa è ormai morta e a stento John riesce a farsi consegnare da don Pedro il figlio da lei dato alla luce. Diffusasi la notizia che a Los Cedros è scoppiato il colera, John, dovunque vada, pur implorando un poco di cibo per la propria creatura, viene cacciato con la forza. Privo di nutrimento; il bimbo muore.

Ardendo dal desiderio di vendicarlo, John arruola una banda di spietati criminali, sopprime tutti coloro che giudica responsabili della morte di suo figlio e diventa un bandito temuto e inafferrabile, contro il quale don Pedro sacrifica inutilmente un figlio e altrettanto invano provoca l’intervento dell’esercito.

Sapendo che John tenterà, prima o poi, di ucciderlo decide allora di tendergli una trappola in occasione di una festa religiosa a Chihuahua, ma Warner riesce ad eluderla e a portare a termine la sua vendetta. Ma anche per lui è finita: circondato dai soldati, viene ucciso con tutti i suoi compagni.

Commento

 

 

Spaghetti Western coprodotto tra Spagna e Italia, anche se questa volta con produzione prevalentemente spagnola e tanta violenza, fuoco incrociato ed elementi di tragedia greca. Un caporale della Confederazione di nome John Warner (George Hilton) disertò la sua unità la notte prima di una grande battaglia durante la guerra civile americana (1861-1865), dopo aver ricevuto un messaggio importante dal figlio di Sandoval. John insieme ad altri ribelli (Albert De Mendoza, Antonio Pica) fuggono; più tardi, si unisce per raggruppare un gruppo eterogeneo di personaggi (Jose Luis Martin, Leo Anchoriz, Gustavo Rojo). Nel frattempo John attraversa il confine con il Messico per sposare la sua ragazza incinta prima che partorisca. Suo padre di nome Pedro Sandoval (il defunto Ernest Borgnine) aveva proibito il loro matrimonio, ma il caporale è deciso a sposarla. Le circostanze cambiano quando John Warner ha una sorpresa e diventa un fuorilegge che promette vendetta a tutti coloro che sono coinvolti nella sua sventura.

Il regista Julio Buchs ha realizzato in “Un proiettile per Sandoval” probabilmente il suo miglior lavoro di una carriera modesta, con alcune scene memorabili e un buon movimento della cinepresa come prologo iniziale e prima parte in cui vediamo la stella principale morente, inoltre la fine duello in stile “Cassidy e Sundance Kid” e questo non fa che dire che questo film sembra essere una vera sorpresa. La storia è avvolta da un’aura di tristezza, un tragico evento sulla metamorfosi di Warner, un brav’uomo trasformato in uno psicopatico impazzito. Vale la pena di vederlo per una dimostrazione dell’odio profondo tra due protagonisti che condurrà a un tragico finale, che è sottolineato dall’idea di fatalità, l’incapacità di cambiare il proprio destino. È un emozionante western con una resa dei conti mozzafiato tra la stella principale Hilton e il nemico Ernest Borgnine e i suoi compagni. George Hilton, nato in Uruguay, veste bene i panni dell’eroe /  cattivo di questa storia emozionante. Hilton recita bene, spacca lo schermo, salta, spara, colpisce e corre e infine uccide. La sua interpretazione è sorprendente, al di sopra della media a livello di questi film. George Hilton nel ruolo del pistolero sofferente e vendicatore, forse nel suo ruolo più importante che è stato in grado di interpretare in uno Spaghetti. Durante questo processo, il protagonista John risulta essere un personaggio inizialmente positivo, ma degenererà per diventare un uomo armato sanguinante e spregevole senza sentimenti e incapacità di amare. Mentre Ernest Borgnine si esibisce in una performance di alto livello, è un allevatore messicano ricco, arrogante, prepotente e vendicativo, incapace di ammettere la relazione tra sua figlia e un  caposquadra che lo ha disonorato e sarà vittima del proprio codice d’onore. Alberto De Mendoza è il duro ma simpatico partner fuorilegge e sebbene non raggiunga il livello di Hilton, è anche abbastanza bravo, con alcuni sguardi che dicono tutto.

Molte altre facce familiari degli Spaghetti western, ci appaiono come Jose Luis Martin come un cattivo stupratore, Leo Anchoriz come un frate Tuck-alike, Manuel De Blas, Luis Barboo, Lorenzo Robledo, George Rigaud, Alfonso Rojas, Dan Van Husen, Tito Garcia e molti altri. Una menzione speciale che voglio evidenziare è alla colonna sonora del film, Gianni Ferrio crea melodie che riescono a finire per dare alla storia un punto ancora più drammatico e inquietante, facendo sì che le immagini acquisiscano forza con gli accordi, un lavoro di alto livello in modo simile al grandi compositori del genere. Fotografia accettabile di Francisco Sempere, sebbene necessaria una giusta rimasterizzazione, girata sul posto a Las Rozas, Madrid, Lucainena de Las Torres, Andalusia e, naturalmente, Almeria. Il film è stato prodotto dalle produzioni di Atlantida Films / Jose Frade che hanno finanziato diversi western negli anni ’60 e primi anni ’70 come “Cuatreros”, “Metizo”, “Sfida di McKenna”, “Il mercenario”, “Los Compañeros”. Il film è stato piuttosto ben diretto da Julio Buchs che ha anche scritto la sceneggiatura insieme a Federico De Urrutia; a volte si afferma erroneamente che il film è stato co-diretto da Lucio Fulci, ma questo non è vero, l’attore George Hilton lo ha affermato in molte interviste. Julio Buchs era un esperto di thriller come ha dimostrato in “Salario De Crimen”, “Alta tensione” e Spaghetti come “Los Desesperados”, “Lo ucciderò e tornerò da solo” anche intitolato “El Hombre Mató Billy Kid¨ e “Mestizo” o “Django non perdona”. Insieme a “Un proiettile per Sandoval”, il miglior film di Buchs era “Encrucijada Una Monja” con Rosanna Schiaffino che recitava un personaggio simile a “La storia della suora di Audrey Hepburn”; entrambi furono ben diretti da Julio fino alla sua morte prematura a 46 anni.

Curiosità

 

 

Date di uscita film:

Italy     26 November 1969
Spain     15 December 1969
USA     May 1970
Denmark     27 July 1970
West Germany     20 November 1970
Turkey     23 November 1970
Netherlands     31 December 1970     (Amsterdam)
Norway     3 March 1971
Sweden     17 May 1971
Finland     15 September 1972

Titoli all’ estero

(original title)     Los desesperados
Vengeance Is Mine
Bulgaria (Bulgarian title)     Куршум за Сандовал
Brazil     A Vingança é Minha
Brazil (reissue title)     Balas para Sandoval
Germany (DVD title)     Desperados – Der Hauch des Todes
Denmark     De seks desperados
Finland     Kosto veressä
UK     Desperate Men
Greece (reissue title)     Oi desperados
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title)     Oi ektelestai tis Avgis
Italy     Quei disperati che puzzano di sudore e di morte
Netherlands     Gringo tegen El Diablo
Norway     Desperados
Sweden     6 desperados
Soviet Union (Russian title)     Пуля для Сандовала
Turkey (Turkish title)     Son baskin
USA     A Bullet for Sandoval
USA     Those Desperate Men Who Smell of Dirt and Death
West Germany     Um sie war der Hauch des Todes
Yugoslavia (Serbian title)     Oni sto zaudaraju na znoj i krv

Locations

 

 

Almeria, Andalucia, Spain

Lucainena de Las Torres, Andalucia, Spain

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]

 

Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

Titolo originale Los desesperados
Lingua originale spagnolo
Paese di produzione Spagna, Italia
Anno 1969
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35 : 1
Genere western
Regia Julio Buchs
Soggetto Julio Buchs, Federico De Urrutia, José Luis Martínez Mollá
Sceneggiatura Julio Buchs, Federico De Urrutia, José Luis Martínez Mollá
Produttore esecutivo Ugo Guerra, Elio Scardamaglia
Casa di produzione Atlántida Films, Daiano Film, Leone Cinematografica
Fotografia Francisco Sempere
Montaggio Daniele Alabiso, Magdalena Pulido
Musiche Gianni Ferrio
Costumi Román Calatayud

Interpreti e personaggi
Ernest Borgnine: Don Pedro Sandoval
George Hilton: John Warner
Annabella Incontrera: Rosa
Alberto de Mendoza: Lucky
Leo Anchóriz: Monk
Gustavo Rojo: Guadalupano
Manuel de Blas
Manuel Miranda: Francisco
Antonio Pica: Sam
Andrea Aureli: Morton
Dan van Husen: Mestizo

FOTO E POSTERS

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest