Quelli della calibro 38

Quelli della calibro 38 è un film poliziottesco del 1976, l’ultimo diretto da Massimo Dallamano che morì nel novembre dello stesso anno.

Alcune domande fatte ad Antonio Marsina che ha partecipato al film nella parte del bandito complice di Rassimov:

PianetaCinema: Il rapporto con Bozzuffi

Antonio Marsina: con bozzuffi non abbiamo mai girato una scena insieme, nei giorni in cui girava lui io non c’ero.

PianetaCinema: e Dallamano?

Antonio Marsina:  il rapporto con il regista è stato molto cordiale e protettivo nei miei confronti, gli piacevo molto

PianetaCinema: E le scene in moto?

Antonio Marsina: molte scene in moto le ho fatte io

PianetaCinemaanche l impennata?

Antonio Marsina: si e si capiva benissimo, infatti la scena del mercato in cui scappo impadronendomi della moto si capisce benissimo che ero io.comunque in molti film non ho usato controfigure

Trama

Durante una retata notturna nei pressi della città di Torino, il commissario Vanni uccide un mafioso, che si rivela essere il fratello di un altro mafioso, conosciuto come il marsigliese. Questi per vendicarsi, eliminerà la moglie del commissario, davanti agli occhi del figlio. Il funzionario allora ottiene dal questore di formare e di essere messo a capo di una squadra composta da altri quattro poliziotti, armati di pistole calibro 38, per combattere il crimine, progetto da tempo coltivato dallo stesso Vanni.

Durante le loro azioni si trovano ad indagare sul furto di un grosso quantitativo di dinamite, dietro il quale c’è il marsigliese il cui piano è di condurre un ricatto, minacciando di organizzare attentati dinamitardi in città.
Nella parte finale del film c’è un notevole inseguimento con una Fiat 127 che corre su una strada sterrata prima e su un treno bisarca per trasporto auto poi. È da sottolineare che queste riprese facevano parte di un lungo spot pubblicitario della vettura stessa (spot riconoscibile facilmente dalle stesse riprese in quanto l’auto utilizzata, a differenza di quella impiegata nel film, pur essendo dello stesso colore è priva della targa) diffuso quando fu presentata al pubblico nel 1971[1]. Lo stesso spot era già stato utilizzato in un altro film del 1973, Un tipo con una faccia strana ti cerca per ucciderti, e lo sarà ancora nel 1979, ne I contrabbandieri di Santa Lucia. A differenza di molti altri famosi poliziotteschi girati tra Roma, Milano e Napoli questo fu girato prevalentemente a Torino[2] e in località piemontesi tra cui la palazzina di Stupinigi.

Commento

Dallamano cambia registro, nel 1974, dopo i fasti dell’horror/thriller con un poliziesco (La polizia chiede aiuto) che si potrebbe far rientrare nella top10. Due anni dopo esce questa bella pellicola d’azione all’italiana, ben orchestrata e degna portatrice del nome del suo regista. Nella versione uncut sono presenti scene leggermente sanguinolente.
Tra i migliori polizieschi dell’epoca. La sceneggiatura è veloce e coinvolgente, la regia di Dallamano ottima come al solito, la fotografia curatissima, le scene d’azione spettacolari, il cast azzeccato (ottimo Rassimov) e la colonna sonora azzeccatissima. Di più non si poteva chiedere. (fonte davinotti http://www.davinotti.com)

Locations

LA CASA DELL’ISPETTORE VANNI
Vanni (Marcel Bozzuffi) riceve una telefonata dal Marsigliese e si precipita verso la sua abitazione torinese: svolta l’angolo all’altezza di Via Amerigo Vespucci

quellide1

 

 

 

 

…e si ferma vicino al portone di casa sua: siamo in Corso Re Umberto 84, Torino

quellide2

 

 

 

 

Il night gestito da Sandra (Andrè) ai trova in Piazza Cavour 8 a Torino

queca4

 

 

 

 

La bisca clandestina dove irrompe la polizia è il Brigadoon in Via la Monachina 80 a Roma

quellidella1

 

 

 

 

 

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]

 

Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

FOTO E POSTERS

 

 

 

Titolo originale Quelli della calibro 38
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1976
Durata 105 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere poliziesco
Regia Massimo Dallamano
Soggetto Massimo Dallamano, Franco Bottari, Marco Guglielmi, Ettore Sanzò
Sceneggiatura Massimo Dallamano, Franco Bottari, Marco Guglielmi, Ettore Sanzò
Produttore esecutivo Paolo Infascelli
Casa di produzione European Inc. s.r.l.
Distribuzione (Italia) PAC
Fotografia Gábor Pogány
Montaggio Antonio Siciliano
Musiche Stelvio Cipriani

Interpreti e personaggi
Marcel Bozzuffi: Commissario Vanni
Riccardo Salvino: Nicola Silvestri
Ivan Rassimov: Il marsigliese
Antonio Marsina: il biondo
Francesco Ferracini: Franco Lubrano
Fabrizio Capucci: Ciro
Armando Brancia: Questore
Giancarlo Bonuglia: Commissario Petrucci
Carole André: Sandra
Margherita Horowitz: Ospite del Casinò
Grace Jones: Cantante al night
Dino Emanuelli: Mezzacicca
Eolo Capritti: Nistri

Doppiatori italiani
Glauco Onorato: Commissario Vanni
Gianni Marzocchi: Nicola Silvestri
Giorgio Piazza: Commissario Petrucci
Stefania Casini: Sandra
Renato Mori: Questore
Arturo Dominici: Nistri

Facebooktwittergoogle_pluspinterest