Sella d’argento

Sella d’argento è un film del 1978 diretto da Lucio Fulci.

Trama

Un ragazzo di dieci anni, reagendo all’assassinio del padre perpetrato da Luke, uccide il killer e diviene Roy Blood, un pistolero famoso per le sue imprese e per l’odio a casa Barret, di cui Luke era servitore.

Detto anche “Sella d’Argento” Roy salva da un agguato il piccolo Thomas Barret Jr. che gli si affeziona. Il pistolero, deciso a compiere la propria vendetta ma sempre più legato al piccolo Barret, finisce nel bel mezzo degli intrighi orditi da Thomas Barret Sr. ai danni del nipotino e di sua sorella Margaret. Prima di scoprire la colpevolezza del bieco anziano Barrett, Roy Blood si trova costretto a combattere a fianco di “Serpente Due Colpi”, un poveraccio che vive facendo lo sciacallo;

deve affrontare e uccidere Turner, l’uomo del suo avversario; sgomina la banda di Garrincha. Incompreso dallo sceriffo, aiutato da Shiba (una prostituta di cui è amico), Sella d’Argento conquista il bambino e sua sorella.

Commento

 

 

Il “Sella D’Argento” di Lucio Fulci aka “Silver Saddle” del 1978 è l’ultimo, e secondo me il meno interessante dei tre western diretti da Fulci (esclusa la sua co-regia di “A Bullet For Sandoval” di Julio Buchs del 1969). “Silver Saddle” non è affatto uno Spaghetti Western noioso o noioso, in realtà è un film abbastanza buono, e Giuliano Gemma recita molto bene, ma personalmente mi aspettavo un po ‘di più da un Fulci Western, in particolare dopo il grande “Tempo Di Massacro” “aka” Massacre Time “del 1966 (con il grande Franco Nero in testa), e il commovente” Quatro Dell’Apocalisse “alias. “Four Of The Apocalypse”, che forse non era un capolavoro di Spaghetti Western, ma che personalmente mi è piaciuto molto.

“Silver Saddle” inizia molto bene, quando il piccolo Roy Blood assiste all’omicidio di suo padre da uno scagnozzo del potente clan Barrett, e successivamente spara all’omicida e prende la sua sella, che è adornata d’argento. Cresciuto, Roy Blood (Giuliano Gemma) è diventato un micidiale pistolero, che usa ancora la sella argento. Dopo aver stretto amicizia con un truffatore di nome Two Strike Snake (Geoffrey Lewis), Roy ottiene l’opportunità di uccidere il patriarca del clan Barret, e quindi alla fine vendica la morte di suo padre. Quando Roy si nasconde dove sospetta sia il suo nemico, tuttavia, si presenta invece un ragazzino. Alcuni banditi cercano di assassinare il bambino e Roy glielo impedisce ammazzandoli tutti.

La star del western Giuliano Gemma ha il ruolo di protagonista e mette in scena una performance credibile, con una piacevole colonna sonora e un valido supporto di Geoffrey Lewis (come il compagno di Gemma, una versione più simpatica dei cacciatori di taglie viscidi interpretati da Strother Martin e LQ Jones in THE WILD BUNCH di Sam Peckinpah [ 1969]), Ettore Manni (come il capo cattivo) e Aldo Sambrell come un bandito messicano.

Il regista Lucio Fulci dirige le numerose sparatorie e omicidi con la sua caratteristica inclinazione alla violenza esagerata, con proiettili che entrano nei volti e nei petti, anche se non aspettatevi nessuno dei più sanguinosi effetti visti nel thriller CONTRABAND. Inoltre, mantiene la camera sugli occhi ravvicinati e ingrandisce al minimo. La trama frenetica si concentra sul dialogo, il che è un vantaggio e lo rende un’esperienza visiva molto semplice.

Curiosità

 

 

Nella versione inglese Geoffrey Lewis fu doppiato da un altro attore di lingua inglese.

Questo fu uno degli ultimi spaghetti western girato da una grande casa di produzione.

Uscite all’ estero

Italy 20 April 1978
West Germany 27 April 1979
Portugal 31 May 1979
Norway 9 January 1980
Hungary 17 April 1980
Colombia 17 September 1980
Turkey 3 May 1982

Titoli all’ estero

The Man in the Silver Saddle
Argentina Montura de plata
Bulgaria (Bulgarian title) Сребърното седло
Brazil Sela de Prata
Colombia Silla de plata
Finland Hopeasatularatsastaja
Greece (video title) I ekdikisi tou pistolero
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title) Sifounas sto pistoli… akatamahitos sto xylo!
Hungary Ezüstnyereg
Portugal A Sela de Prata
Sweden Mannen med silversadeln
Slovenia Srebrno sedlo
Turkey (Turkish title) Batinin Krali
West Germany Silbersattel
World-wide (English title) Silver Saddle

Locations

 

 

Dear Studios, Rome, Lazio, Italy
(studio)

Almería, Andalucía, Spain

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]

 

Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

FOTO E POSTERS

 

 

 

Titolo originale: Sella d’ argento
Paese di produzione Italia
Anno 1978
Durata 100 min
Rapporto 2,35 : 1
Genere western
Regia Lucio Fulci
Soggetto Adriano Bolzoni
Sceneggiatura Adriano Bolzoni
Produttore Piero Donati
Casa di produzione Cineriz
Fotografia Sergio Salvati
Montaggio Ornella Micheli
Musiche Franco Bixio, Fabio Frizzi, Vince Tempera
Scenografia Carlo Simi
Costumi Carlo Simi

Interpreti e personaggi

Giuliano Gemma: Roy Blood
Geoffrey Lewis: Serpente due colpi
Sven Valsecchi: Thomas Barrett jr.
Licinia Lentini: Miss Sheba
Ettore Manni: Thomas Barrett
Cinzia Monreale: Margaret Barrett

Doppiatori italiani

Serena Verdirosi: Margaret Barrett
Sergio Graziani: Serpente due colpi
Maria Pia Di Meo: Miss Sheba
Michele Gammino: pistolero
Sergio Fiorentini: pistolero
Glauco Onorato: pistolero
Luciano De Ambrosis: Luke
Daniele Tedeschi: Firmin
Pino Locchi: Ship

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest