Shark – Il primo squalo

Shark – Il primo squalo (The Meg) è un film del 2018 diretto da Jon Turteltaub con protagonista Jason Statham.

La pellicola è l’adattamento cinematografico del romanzo horror fantascientifico MEG pubblicato nel 1997 da Steve Alten.

Trama

Salpati da Tahiti sotto un meraviglioso cielo stellato, Tami Oldham (Shailene Woodley) e il suo fidanzato Richard Sharp (Sam Claflin) sono giovani, innamorati e sognano una vita di avventure insieme. Dopo pochi giorni, nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico, un uragano di proporzioni terrificanti si abbatte sulla loro imbarcazione, lasciando Tami priva di sensi.
Al suo risveglio, Tami trova la barca distrutta e il suo ragazzo gravemente ferito. Senza alcun mezzo di comunicazione e lontana settimane di navigazione dal porto più vicino, Tami deve confrontarsi con una straziante corsa contro il tempo per salvare se stessa e l’unico uomo che abbia mai veramente amato. Tratto da una storia vera, Resta con me è un film emozionante e coinvolgente, una storia di amore, determinazione e coraggio contro ogni impossibile avversità.

Recensione

 

 

The Meg è sostanzialmente la lotta di Jason Statham contro uno squalo preistorico di 75 piedi , e se questo non suona come la tua idea di un eccitante film di fine estate, allora questa pellicola  B-movie non è chiaramente per te . Oh sì, il romanzo horror di fantascienza di Steve Alten su cui si basa questo film doveva essere proprio questo tipo di intrattenimento polposo, e il regista Jon Turteltaub assicura che il suo adattamento sia bilanciato tra autocoscienza e auto-serietà.

Il film inizia coon la missione di salvataggio del subacqueo Statham, Jonas Taylor: in preda alla sua ultima missione per salvare l’equipaggio di un sottomarino nucleare intrappolato in fondo alla Fossa delle Marianne, Jonas è costretto a sacrificare due dei suoi uomini all’interno del sottomarino dopo che è presumibilmente attaccato da una creatura gigantesca che schiaccia lo scafo. Il racconto di Jonas del tragico evento è contestato da un altro membro chiave del suo stesso equipaggio, il dott. Heller (Robert Taylor), e dopo essere stato accusato di subire un tracollo psicologico, si ritira in isolamento su un’isola selvaggia in Tailandia.

Cinque anni dopo, a Jonas viene offerta l’opportunità di catturare persino la creatura quando viene avvicinato da un vecchio amico Mac (Cliff Curtis) per condurre un’operazione urgente per salvare la sua ex-moglie Lori (Jessica McNamee) e gli altri suoi due compagni di equipaggio incagliati sott’acqua in un mare profondo nel sommergibile Origin al largo della costa cinese. Mac e Lori fanno parte di una squadra più grande in una moderna struttura di ricerca chiamata Mana One che esplora se c’è vita sotto le profondità dell’oceano come la conosciamo, e il primo cosiddetto ‘inserimento’ di successo nella sfera idrotermale sul fondo del fondale marino, portano l’Origin faccia a faccia con il super squalo precedentemente ritenuto estinto.

Inizialmente, la storia di Jonas fa intravedere che è accolto con scetticismo dal team di Mana One, compreso il capo oceanografo Dr Zhang Minway (Winston Chao), la sua altrettanto esperta figlia Suyin (Li Bingbing) e nientedimeno che l’ex collega di Jonas Dr Heller. Va da sé che Jonas dimostrerà presto di non essere pazzo dopotutto.

Non dovrebbe sorprendere il fatto che “The Meg” sia basato su una serie di elaborati set-action basati principalmente su Mr Statham, ma vale anche la pena di riconoscere che Turteltaub e i suoi sceneggiatori (composto da specialisti di genere Dean Georgaris e Jon e Erich Hoeber) danno ai personaggi una trama abbastanza grande per creare scene memorabili all’interno di questi set. Tra gli archetipi degni di nota, qui esposti, ci sono il finanziere Morris (Rainn Wilson), il tipo femminile indipendente Jaxx (Ruby Rose), così come il timoroso DJ afro-americano (Page Kennedy); e senza dire chi vive, chi muore o come mai, questi personaggi nei loro rispettivi modi iniettano verve in alcune delle sequenze gloriosamente esagerate.

In effetti, non c’è molto senso comune, anche se nulla di così esagerato da qualificarsi irrevocabilmente come parodia. La parola chiave qui è divertente, e per questo motivo, “The Meg” mette a segno un goal, decisamente. Statham porta ognuna di queste scene stravaganti con un occhiolino consapevole, e la sua abilità nel consegnare intenzionalmente banali battute è impareggiabile. Da parte sua, Turteltaub coglie allegramente ogni occasione per enfatizzare la dimensione relativa della competizione tra Statham e Meg, e aspetta pazientemente fino al culmine di tralasciare ogni freno- lì a Sanya Bay, ai giovani maschi che osservano il sesso opposto su piattaforme galleggianti separate prima di essere forzatamente speronate dallo squalo predatore, un uomo in una bolla gonfiabile galleggia cercando di rotolare sopra i suoi compagni nuotatori prima che la sua bolla sia letteralmente fatta esplodere dallo squalo.

Probabilmente non ti sfuggirà che il film è una delle coproduzioni USA-Cina di alto profilo quest’anno, e mentre questo si riflette nelle posizioni e nella scelta dei co-protagonisti, i piaceri qui sembrano ancora più culturalmente in sintonia con la sensibilità di Hollywood. A suo merito, “The Meg” non si rivela mai più sciocco di quanto intenzionalmente si proponga di essere, e vanta più della sua giusta dose di divertenti sequenze uomo-contro-enorme-squalo. Ma hey, ci è piaciuto molto per quello che valeva, e considerando che il film è rimasto bloccato per oltre un decennio, aggiungiamo che non avremmo potuto vederlo diversamente da ‘Jason Statham contro un 75 piedi maledetto “squalo preistorico”.

Curiosità

 

 

La Disney era interessata alla trasposizione cinematografica già nel 1996, quando opzionò i diritti cinematografici del romanzo. Le sceneggiature realizzate per la Disney delusero Alten, commentando che “il film avrebbe dovuto seguire la scienza e non il ridicolo”; così i diritti opzionati caddero. Successivamente varie case di produzione si interessarono al progetto, tra le quali Hollywood Pictures e New Line Cinema.

Il 3 giugno 2015 la Warner Bros. acquista i diritti cinematografici del romanzo. Il 16 giugno dello stesso anno viene scelto come regista Eli Roth,il quale abbandona il progetto per divergenze creative con la produzione. Il 3 marzo 2016 Roth viene sostituito da Jon Turteltaub.

Il 14 aprile 2016 viene annunciato che Jason Statham sarà il protagonista del film, accanto a Li Bingbing, Ruby Rose e Jessica McNamee.

Titoli all’ estero

(original title)     The Meg
(working title)     Meg
Argentina     Megalodón
Bulgaria (Bulgarian title)     Мега звяр
Brazil     Megatubarão
Canada (French title)     Mégalodon
Germany     Meg
Estonia     Meg
Spain     Megalodón
France     En eaux troubles
Greece     Ο κυρίαρχος του βυθού
Hungary     Meg – Az őscápa
Italy     Shark – Il primo squalo
Japan (English title)     Meg: The Monster
Lithuania     Megalodonas: gresme iš gelmiu
Mexico     Megalodón
Norway     Megalodon
Peru     Megalodón
Portugal     Meg: Tubarão Gigante
Romania     MEG: Confruntare în adâncuri
Russia     Мег: Монстр глубины
USA     The Meg
Uruguay (original subtitled version)     Megalodón
Vietnam     Ca Map Sieu Bao Chua

Locations

Hauraki Gulf, Auckland, New Zealand

Vota la recensione
[Total: 0 Average: 0]
Story
0
Actors
0
Music
0
Director
0
Average
  Loading, please wait yasr-loader

Titolo originale    The Meg
Lingua originale    inglese
Paese di produzione    Stati Uniti d’America, Cina
Anno    2018
Durata    113 min
Rapporto    2,39 : 1
Genere    thriller, fantascienza, azione, orrore
Regia    Jon Turteltaub
Soggetto    dal romanzo di Steve Alten
Sceneggiatura    Dean Georgaris, Erich Hoeber, Jon Hoeber
Produttore    Belle Avery, Lorenzo di Bonaventura, Colin Wilson
Produttore esecutivo    Randy Greenberg, Ben Erwei Ji, Wayne Wei Jiang, erald R. Molen, Barrie M. Osborne
Casa di produzione    Apelles Entertainment, Flagship Entertainment Group, Gravity Pictures, Maeday Productions
Distribuzione (Italia)    Warner Bros.
Fotografia    Tom Stern
Montaggio    Steven Kemper
Effetti speciali    Doug Falconer, Trevor Kiely, Gavin Legge
Musiche    Harry Gregson-Williams
Scenografia    Grant Major
Costumi    Amanda Neale
Trucco    Kendal Ferguson

Interpreti e personaggi

Jason Statham: Jonas Taylor
Li Bingbing: Suyin Zhang
Rainn Wilson: Jack Morris
Ruby Rose: Jaxx Herd
Winston Chao: dott. Minway Zhang
Cliff Curtis: James ‘Mac’ Mackreides
Page Kennedy: D. J.
Jessica McNamee: Lori
Ólafur Darri Ólafsson: ‘Il muro’
Robert Taylor: dott. Heller
Shuya Sophia Cai: Meiying
Masi Oka: Toshi
Rob Kipa-Williams: D’Angelo
Tawanda Manyimo: Marks

Doppiatori italiani

Fabio Boccanera: Jonas Taylor
Valentina Mari: Suyin Zhang
Alessandro Quarta: Jack Morris
Gemma Donati: Jaxx Herd
Toni Garrani: dott. Minway Zhang
Massimo De Ambrosis: James ‘Mac’ Mackreides
Chiara Gioncardi: Lori
Massimo Bitossi: ‘Il muro’
Mario Cordova: dott. Heller
Anita Ferraro: Meiying
Edoardo Stoppacciaro: Toshi
Alessandro Ballico: Marks

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest