Un dollaro tra i denti

Un dollaro tra i denti è un film del 1967, diretto da Luigi Vanzi.

Un giovane avventuriero “Lo Straniero”, travestito da capitano dell’esercito americano, aiuta il bandito Aguila ad impossessarsi di una grande quantità d’oro; ma quando, come nei patti, pretende la sua parte di bottino; è beffato e percosso dagli uomini della banda.

Deciso a vendicarsi, “Lo Straniero” segue passo passo gli uomini di Aguila, che, per impadronirsi nuovamente del pericoloso e misterioso avversario, fa prigioniera e sevizia una giovane donna evidentemente legata sentimentalmente al rivale.

Doppiamente colpito, “Lo Straniero” reagisce uccidendo a uno a uno gli uomini di Aguila e affrontando alla fine lo stesso capo banda che uccide in duello. Finalmente unico proprietario del bottino, al superstite si ripresenta il tenente dell’esercito americano al quale l’oro era stato sottratto con l’inganno e la violenza. “Lo Straniero”, allora, restituisce l’oro del quale trattiene una buona parte per le taglie guadagnate con lo sterminio dell’intera banda.

Commento

Risposta di Vanzi a Per un pugno di dollari. L’incipit, scandito da lentezze, silenzi e ppp di occhi, è esplicitamente leoniano, così come il susseguirsi di violenza, ironia e luoghi comuni della sceneggiatura; l’originalità si rileva invece nel finale, in cui lo Straniero di Anthony – avventuriero in poncho molto più avido e cinico del “collega” Eastwood – si vendica colpendo i nemici alle spalle e restituendo loro le botte subite prima di sfidarli a duello e ucciderli. Tra i villains dilaga il sadismo, dipinto sui volti di Wolff, Marsina e della fustigatrice Sandri.

Talmente astratto da sembrare un post-atomico invece che un western. Quasi tutta l’azione gira in un paesino spettrale e assolato, dove Tony Anthony (che assomiglia vagamente a William Petersen) prende un sacco di legnate per poi vendicarsi, sparando pure alle spalle, con una doppietta a pallettoni. Vanzi tiene alta la tensione e regala ottimi pezzi di regia (le sparatorie, il senso di desolazione), Wolff anticipa il Mapachi del Mucchio selvaggio e la Sandri (con frusta) la “pantera nera” di Django 2. Bellissime le sonorità di Benedetto Ghiglia.

Un dollaro tra i denti
Titolo originale Un dollaro tra i denti
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, USA
Anno 1967
Durata 86 min
Colore colore
Audio mono
Rapporto 1,85 : 1
Genere drammatico, western
Regia Luigi Vanzi
Soggetto Giuseppe Mangione, Warren Garfield
Sceneggiatura Giuseppe Mangione, Warren Garfield
Produttore Massimo Gualdi, Carlo Infascelli, Roberto Infascelli, Allen Klein
Produttore esecutivo James Hager
Casa di produzione Primex Italiana, Taka Productions
Fotografia Marcello Masciocchi
Montaggio Maurizio Lucidi
Musiche Benedetto Ghiglia
Scenografia Carmelo Patrono
Costumi Carmelo Patrono

Interpreti e personaggi
Tony Anthony: Lo straniero
Jolanda Modio: Chica
Gia Sandri: Maruca
Raf Baldassarre: Corgo
Aldo Berti: Marinero
Enrico Capoleoni:
Arturo Corso:
Antonio Marsina: prete
Salvatore Puntillo:
Fortunato Arena: The real Captain Cordoba
Rossella Bergamonti: (con il nome Rosella Bergamonti)
Ugo Carboni: (con il nome Ugo Carbone)
Giovanni Ivan Scratuglia: (con il nome Ivan Scratt)
Frank Wolff: Aguilar
Loris Bazzocchi:
Lars Bloch: Capitano George Stafford / Ted Harrison
Nicola Di Gioia: Bandito
Angela Minervini:

Doppiatori italiani
Cesare Barbetti: Lo Straniero
Lydia Simoneschi: Maruca
Massimo Foschi: Corgo
Manlio De Angelis: Marinero
Renato Turi: Aguilar
Luciano De Ambrosis: Capitano Joe Stafford \ Ted Harrison

Facebooktwittergoogle_pluspinterest