Uomini si nasce poliziotti si muore

Uomini si nasce poliziotti si muore è un film del 1976, diretto da Ruggero Deodato, scritto da Fernando Di Leo.

Trama

Una donna viene scippata e uccisa brutalmente da due rapinatori a bordo di una motocicletta. Alfredo e Antonio, due poliziotti che lavorano per un corpo speciale che ha totale carta bianca per combattere la delinquenza, inseguono i rapinatori con la loro moto e, dopo un lungo e rocambolesco inseguimento per le vie di Roma, li raggiungono. Un rapinatore muore con la leva della frizione della moto infilzata nella pancia. L’altro è ancora vivo ma gravemente ferito. Antonio gli si avvicina e gli spezza l’osso del collo.

Antonio e Alfredo si recano al commissariato e fanno rapporto al loro capo che, venuto a sapere dell’ennesima azione violenta dei due, li rimbrotta scherzosamente e promette loro che li coprirà, come sempre. Intanto Antonio e Alfredo corteggiano la segretaria del loro capo, Sonia, una femminista.

Un collega dei due poliziotti viene ucciso durante un’imboscata. Antonio e Alfredo inseguono l’assassino e lo uccidono, quindi danno fuoco alle macchine parcheggiate davanti a una bisca clandestina di proprietà di Roberto Pasquini. Nell’incendio periscono anche due uomini di Pasquini. In realtà Pasquini è in contatto con un poliziotto corrotto, che gli passa tutte le informazioni necessarie sulle retate ed altre operazioni della squadra speciale.

Tre uomini, capitanati da Ruggero detto “Er Cane”, entrano in una villa e prendono in ostaggio un’anziana signora. Antonio e Alfredo intervengono prontamente. Fanno arrivare sul luogo un elicottero della polizia per confondere i criminali, quindi penetrano nella villa e li uccidono tutti, liberando l’ostaggio.
Antonio e Alfredo

Intanto Roberto Pasquini punisce selvaggiamente un tossicodipendente che aveva parlato troppo: gli fa estirpare infatti un occhio.

Antonio e Alfredo si recano nella bisca clandestina di Fregene e torturano due uomini di Pasquini, quindi si allenano al tiro al bersaglio ma vengono tratti in un’imboscata. I due la risolvono a modo loro. Si recano quindi dal tossicodipendente torturato da Pasquini e lo convincono ad aiutarli per mettere in trappola il biscazziere.

I due si recano su una barca, luogo dell’appuntamento dato a Pasquini. L’uomo però li ha anticipati e ha innescato una bomba. Quando Antonio e Alfredo sembrano spacciati spunta fuori il loro capo, che stermina tutta la banda di Pasquini.

Antonio e Alfredo fanno esplodere la barca e si allontanano verso nuove avventure.

In order to overturn the government of some exotic country, the rebels decide to hire an experienced American diver (George Hilton). His risky mission: recover from the botton of the sea a treasure, which would provide financial support to their endeavor.

Two men are riding a motorcycle through the streets of Rome, Italy. It is a week or two before Christmas. Fred (Marc Porel) is at the helm and Tony (Ray Lovelock) is riding pillion. At the same time, two other men on another motorcycle cruise through the streets. This pair of men attempt to rob a woman on the sidewalk by stealing her handbag, but she refuses to let go. They drag her along the street before she rams head first into a lamppost, killing her instantly. Still unable to work the handbag free, the second biker dismounts and viciously begins to beat the dead woman to force her to give up her handbag. Fred and Tony arrive to see the two assailants fleeing. Fred takes off after the two thugs while Tony stays behind to examine the woman. Finding her dead, Tony steals another motorcycle and ride off after the thugs.

A long motorcycle chase ensues through the streets as many holiday shoppers jump out of the way. The only fatality is a seeing eye dog the thugs run over, leaving the blind owner hysterical. The chase leads through a café with Fred and his target wrecking the place. Going around the café, Tony, apparently stymied by an approaching traffic jam, rides OVER the cars, damaging several of them. After a game of chicken between the four men, Fred and Tony succeed in herding their quarry at speed into the back of a garbage truck. The first thug is gruesomely impaled in the crash, while the second is propelled through the cab and out into the street, injured but alive. Fred walks over to the second thug, and suddenly breaks his neck, killing him in cold blood.

As the police arrive, Fred and Tony show their badges to them and reveal themselves to be officers of a “special squad” of police which carry out summary executions of criminals who would get way with crimes through legal technicalities. Fred and Tony report to their boss, known only as the Captain (Adolfo Celi), who knows full well of the excesses of his team. While the Captain plays lip-service to hauling them over the coals over their amoral and vicious tactics to capture or kill criminals, he couldn’t care less since more and more thugs and common criminals continue to get away with murder, robbery, rape, and other violent crimes on legal technicalities.

When Fred and Tony learn from an informant, named Morandi, about an illicit gambling joint located in the poor side of town, the two vicious officers travel over there one evening and proceed to torch all of the cars parked outside purely for revenge against the owners and the patrons who go there in the first place. Fred and Tony’s exploits soon come under scrutiny by a high ranking inspector (Daniele Dublino) who is pressuring the Captain to have the elite, but troublesome team, disbanded. But the Captain soon learns about some things the inspector does in his off-time which leads Fred and Tony to take some action against the inspector.

More exploits continue between the two amoral cops, whom are also roommates in a squalid apartment in a dangerous part of the city. When their once-a-week maid arrives one time to clean up the place, they proceed to taunt the poor woman by suggesting they have both had sex with her daughter. Norma (Silvia Dionisio), the attractive secretary to the Captain, is practically the den mother to them whom they like to chat up with during their breaks at the station. When Fred suggests to Norma he should have sex with her, she sarcastically replies that she would prefer a threesome (with Tony) for both of them would give her a few too many orgasms.

Another day or two later, Tony and Fred are called to the scene of a hostage situation where the city police commissioner and several of his officials ask for their help to defuse a dangerous complication where three armed men have taken a middle-aged woman hostage in her house and threaten to kill her unless they receive a car outside the house. While Tony plays decoy by driving up to the house in a car, Fred sneaks out back on his motorcycle. When the thugs realize that they are being set up, they fall back into the house where Fred smashes through the back door on his motorcycle and shoots and kills two of the kidnappers. With the lead kidnapper holding the woman as a shield, Tony runs in through the front door and guns the last thug down.

Another day later, Tony and Fred stake out the scene of a bank where a robbery of an armored truck will take place. The two cops don silenced pistols and kill all of the robbery gang from the getaway driver, to the lookouts, and the masked robbers themselves before slipping away.

In between all of these adventures, Fred and Tony go after a noted crime boss, named Roberto Pasquini (Renato Salvatori), who runs most of the crime in the city. The two cops first worm their way into the apartment of Lena (Flavia Fabiani), Pasquini’s niece. Fred makes a half-hearted attempt to question the woman, but cannot resist hitting her in the face. But this appears to rouse the disturbed woman and soon the two of them are having sex in the nearby bedroom where she tells them about Pasquini’s hideout.

Meanwhile, the corrupt inspector reports the findings of Fred and Tony to Pasquini until he is transfered to another department after his connection to the crime boss becomes suspect.

Fred and Tony travel to a river barge where one of Pasquini’s gambling casinos are following the tip given to them by Lena. While all of the attending gambles flee, Fred and Tony torture two of the thugs to find out where Pasquini’s new hideout is. The thugs refuse to talk which prompts Fred and Tony to leave… and leave the thugs tied up. The two thugs then inform Pasquini who decides to take out the troublesome police officers.

While Fred and Tony are at a quarry outside the city playfully shooting at tin cans for target practice, four of Pasquini’s thugs arrive and a shootout begins where Fred and Tony sucessfully kill all of the thugs. Afterwords, the Captain tells Fred and Tony to go into hiding until Pasquini is caught or killed. Not used to being told what to do, Fred and Tony go back to their informant Morandi, who recently had one of his eyes gouged out by Pasquini’s henchmen for his drug use and ratting him out to the two vice cops. Morandi decides to help Fred and Tony one last time before he goes into hiding for good.

Morandi goes to Pasquini whom is hiding out on a yacht docked on the river to inform them about the progress of Fred and Tony. Morandi goes back and confirms to them that Pasquini is indeed on the yacht. When Fred and Tony return with Morandi, they find the boat deserted with only Pasquini’s blond mistress on board. Anticipating that Morandi is in cahoots with the police, Pasquini and his chief henchman are on the docks and in a warehouse where they have the boat wired with explosives to blow it up with the two cops on board. However, they are saved with the arrival of the Captain who personally arrives and guns down both Pasquini and his henchmen before leaving. While Morandi and the girl flee the scene, Fred and Tony leave the yacht after hearing the gunshots and see the Captain driving away… aware that he just saved their hides again.

As a final act of senseless violence, Fred and Tony blow up Pasquini’s boat anyway simply because that its there and that confiscating it would not achieve anything.

Recensione

Ruggero Deodato è un regista noto per aver realizzato film duri, pieni di violenza e cinismo. Il suo imponente thriller poliziesco, “Live Like a Cop, Die Like a Man”, non fa eccezione. Alfredo e Antonio appartengono ad un ramo speciale del dipartimento di polizia di Roma. Gli vengono affidati i casi duri, dovendo affrontare il livello piu’ basso di criminalita’. I loro metodi per affrontare l’elemento criminale non sono certamente procedure standard, come vediamo all’inizio del film. I cattivi che hanno la sfortuna assoluta di dover affrontare Fred e Tony, non sono ammanettati e hanno i loro diritti. Deodato, più conosciuto per un film spaventoso di cinema chiamato ‘Cannibal Holocaust’, ha modellato un dramma criminale alla moda, ricco di personaggi interessanti e insoliti. Lo spettatore nota i due poliziotti vigilanti, che sembrano operare sulla stessa lunghezza d’onda. Si crogiolano su una moto insieme, uccidono e torturano i cattivi insieme, anche vivono insieme. Condividono lo stesso atteggiamento cinico verso la vita e la morte. Vi è un legame reale, e questa relazione il film lo eleva ad un livello superiore.

È divertente guardare questi due in azione, bastardi e sensuali come sono, ma in qualche modo simpatici. Il film e’ stato girato con molta energia e stile. La scena di apertura, una caccia selvaggia per motociclisti per le strade di Roma, imposta il tono per il resto del film. E la musica vale la pena di essere menzionata, una grande musica di sottofondo tipica del periodo dei 70, ideale per l’azione. Deodato ha spesso avuto una strana abitudine di utilizzare la musica più inappropriata per andare avanti con la violenza estrema che accade sullo schermo. Le ballate sensuali sono state spesso sentite quando persone sono state picchiate e assassinate, o la musica sexy della discoteca ha premiato una violenza brutale. In qualche modo rende le immagini brutali sempre più malate e contorte. Per il film l’attore Ray Lovelock che impersona Antonio, canta il tema principale del film. Grande cosa.

In America in quegli anni, uno spettacolo televisivo chiamato ‘Starsky & Hutch’ stava facendo bene. Uno telefilm di poliziotti che presentava due soci belli, uno biondo e l’altro coi capelli scuri, come i due eroi di questo film. Forse quella trasmissione televisiva è stata un’influenza, ma il film è stato fatto prima che Starsky & Hutch aparissero sulla TV italiana, quindi chi lo sa? Fino a poco tempo fa “Uomini Si Nasce Poliiziotti Si Muore” era super rara, quasi impossibile da trovare in video. Ora c’è un nuovo DVD da un’etichetta italiana, ‘Raro Video’, che vale la pena di rintracciare. Dotato di una scelta di lingua italiana originale o di una divertente traccia inglese, inclusa un’interessante intervista con Ruggero Deodato e l’attore Ray Lovelock, che discutono entrambi il film. Altamente raccomandato per gli appassionati degli anni ’70 . C’erano innumerevoli polizieschi usciti in Italia in questo periodo, ma questo si distingue come uno dei migliori, e certamente uno dei più brutali.

Questo film è veloce e molteplici sequenze isolate sono straordinarie (la situazione degli ostaggi! La rapina in banca!), non esiste una trama vera e propria, poiché Fred & Tony stanno semplicemente abbattendo il maggiore responsabile della criminalità di Roma, Roberto Pasquini (Renato Salvatori), e eliminano molti dei suoi complici e lo sporco casuale durante la loro “missione”. La maggior parte degli altri Polizieschi hanno uno script leggermente più intelligente, ma “Live Like a Cop, Die Like a Man” principalmente beneficia di una violenza malinconica, di denunce gratuite e senza scrupoli. La modifica è nitida, la musica degli anni 70 è favolosa e la direzione ferma di Deodato è brillante e, in ultima analisi, lodevole. Ho letto da qualche parte che la motocicletta in mezzo alle strade dell shopping affollate sono state girate senza autorizzazione ufficiale [in realtà gli agenti di polizia sono stati pagati per guardare o mentre sparano nelle loro sequenze d’azione ]. Il tuo nome deve semplicemente essere Ruggero Deodato se rischi di mettere in pericolo la vita di civili ignari solo per girare riprese credibili e realistiche di Roma!

Ruggero Deodato is a director known for making hard films, filled with violence and cynicism. His impressive cop thriller, “Live Like A Cop, Die Like A Man”, is no exception. Alfredo and Antonio belong to a special branch of the Rome police department. They are given the hard cases, having to deal with the lowest criminal scum around. Their methods of dealing with the criminal element are certainly not standard procedure, as we see early in the film. The ‘bad guys’ who have the utter misfortune of having to deal with Fred and Tony, do not get handcuffed and have their rights read to them. Deodato, most known for a contemptuous piece of cinema called ‘Cannibal Holocaust’, has fashioned a stylish crime drama, filled with interesting and unusual characters. The viewer gets to know the two vigilante cops, who seem to be operating on the same wavelength. They cruise around on a motorcycle together, kill and torture bad guys together, even live together. They share the same cynical attitude towards life and death. There is a real bond there, and that relationship elevates this to a higher level. It is fun to watch these two in action, cocky and sexist bastards that they are, but somehow likable. Filmed with a great deal of energy and style. The opening scene, a wild motorcycle chase through the streets of Rome, sets the tone for the rest of the film. And the music is worth mentioning, some great background music, typical of the 70’s time period, compliments the action. Deodato often had a strange habit of using the most inappropriate music to go along with the extreme violence happening on the screen. Soft ballads were often heard as people got beaten and murdered, or sexy disco music complimented a brutal rape, such as in “House On the Edge Of the Park”. It somehow makes the brutal imagery all the more sick and twisted. For ‘Live Like A Cop’ actor Ray Lovelock who portrays Antonio, sings the main theme for the film. Great stuff. In America at this time, a TV show called ‘Starsky & Hutch’ was doing well. A cop show that featured two handsome partners, one blond and the other dark haired, much like the two heroes of this film. Perhaps that TV show was an influence, but the movie was made before ‘Starsky & Hutch’ was shown on Italian TV, so who knows? Up until recently “Uomini Si Nasce Poliiziotti Si Muore” was super-rare, almost impossible to find on video. Now there is a new DVD from an Italian label, ‘Raro Video’, that is well worth tracking down. Featuring a choice of original Italian language or a funny dubbed English track, and including an interesting interview with Ruggero Deodato and actor Ray Lovelock, who both discuss the film. Highly recommended for fans of 70’s exploit films and crime films. There were countless cop thrillers to come out of Italy in this time, but this stands out as one of the best, and certainly one of the most brutal.

Curiosità

Sceneggiatura

Il film fu scritto da Fernando Di Leo, celebre regista italiano di noir, autore della Trilogia del milieu. Il copione originale prevedeva una componente di omosessualità evidente tra Antonio e Alfredo, ma Deodato la offuscò mostrando i protagonisti come dei playboy.
Regia

La regia fu affidata a Ruggero Deodato dopo il successo riscosso dal thriller Ondata di piacere, diretto nel 1975. I due registi si incontrarono una sola volta, quando Di Leo fece leggere il copione a Deodato. Questi asserì in seguito che Di Leo rimase molto soddisfatto della sua regia

Unico poliziottesco diretto da Ruggero Deodato, regista di Cannibal Holocaust, considerato il padre dei cannibal movie, è considerato uno dei più violenti e controversi polizieschi italiani.

Per il ruolo di uno dei protagonisti fu contattato Al Cliver, che aveva interpretato Ondata di piacere, ma l’attore rifiutò dopo aver letto la sceneggiatura, a suo avviso troppo cruda e violenta.[4]

I ruoli dei due protagonisti andarono a Ray Lovelock, che cantò anche due canzoni inserite nella colonna sonora: Won’t Take Too Long e Maggie, e Marc Porel, attore francese che aveva già interpretato alcuni film di genere italiani, come Non si sevizia un paperino di Lucio Fulci.

Il ruolo del capo della squadra speciale fu affidato ad Adolfo Celi, con l’intento di renderlo simpatico e sminuire la violenza della pellicola.

Le riprese della sequenza più nota del film, vale a dire il lungo inseguimento iniziale in moto per le vie di Roma, che parte da Via del Corso, prosegue per Piazza del Popolo e termina a Villa Borghese, fu l’ultima ripresa realizzata da Deodato. L’inseguimento fu girato senza i permessi della polizia e del Comune di Roma. Ogni volta che arrivava la polizia la troupe fuggiva di corsa e cercava un altro luogo in cui girare

Il ruolo di Sonia fu interpretato da Silvia Dionisio, all’epoca moglie di Deodato. Nel film appare anche la sorella della Dionisio, Sofia, che interpreta la sorella di Pasquini che viene sedotta da entrambi i poliziotti.

Grazie al successo del film a Deodato fu affidata la regia di Ultimo mondo cannibale, suo primo cannibal movie.

Alla sua uscita nelle sale cinematografiche italiane fu vietato ai minori di 18 anni e tagliato di alcune sequenze violente.

Il film riscosse un buon successo di pubblico, tanto che si pensò di girare un sequel che però non venne mai realizzato per vari motivi tra cui Marc Porel and Ray Lovelock che non si misero mai d’accordo.

Deodato comunque lamentò il fatto che il film si scontrò con il gran successo di Squadra antiscippo, diretto da Bruno Corbucci e interpretato da Tomas Milian, primo film della serie avente per protagonista Nico Giraldi, che sbancò i botteghini italiani in quella stagione.

Ci fu una grande campagna in tv per l’ uscita del film nella tv inglese, cosa che all’epoca non avveniva mai.

Alla sua uscita il film fu accusato di fascismo e qualunquismo, come la maggior parte dei poliziotteschi. Fu comunque apprezzata la regia e alcune interpretazioni. Il Messaggero scrisse: «Impostato secondo le norme che regolano trame del genere, il film si risolve nei soliti inseguimenti, nelle solite sparatorie, nelle stragi di rito, contribuendo con la sua truculenza solo ad una esaltazione che sarebbe, invece, molto meglio evitare. A prescindere, tuttavia, da questo inconcepibile osanna alla violenza, il film è di fattura discreta, specie nell’azione che il regista Ruggero Deodato ha sviluppato con evidente sostenutezza. Volenterosa l’interpretazione di Marc Porel e di Ray Lovelock al cui fianco figurano Franco Citti, Renato Salvatori e Adolfo Celi».

Quentin Tarantino lo ha definito «uno dei più grandi titoli di tutti i tempi».

l film mostra scene violente come quella in cui Roberto Pasquini fa cavare un occhio a un tossicodipendente. Deodato voleva far vedere l’occhio estirpato dal viso e poi schiacciato a terra dal tacco della scarpa di Pasquini, ma la censura ordinò di tagliare la scena. Ispirandosi alle intenzioni iniziali di Deodato, Quentin Tarantino in Kill Bill vol. 2 è riuscito a mostrare la scena, quando la sposa cava un occhio ad Elle Driver e lo schiaccia con il piede.

– Dopo “Ondata di piacere”, mi proposero un altro film e nello stesso tempo Deodato mi chiamò per fare “Uomini si nasce, poliziotti si muore”. Io lessi il copione e mi sembrava un po’ cruento, un po’ violento, sia nel lessico che nelle azioni. Quindi rifiutai e da allora non ci siamo più incontrati con Deodato…Nella vita si sbaglia! E io mi sbagliai, perché “Uomini si nasce, poliziotti si muore” fece un enorme successo, mentre il film che avevo scelto – “Il colpaccio” – non fece nessun successo… (Al Cliver)

– Non ricordo alcun screzio con Marc Porel; è stata una lavorazione tutto sommato tranquilla. L’unica cosa è che all’inizio del film c’è un inseguimento lunghissimo in motocicletta. Quando stavamo insieme in motocicletta guidava lui, quindi io stavo dietro. Ruggero Deodato mi disse: “ Stai sempre un po’ attento a spallarti, perché noi siamo davanti con la camera”. Quindi c’è una situazione molto buffa perché io cerco di spallarmi, poi subito dopo Marc viene di qua, e io allora mi sposto dall’altra parte…C’è questa piccola gag, non voluta, per cercare di spallarsi, ma non era assolutamente dovuta a rivalità. Mi piaceva molto il cast, l’idea che ci fosse anche la partecipazione di Renato Salvatori e Adolfo Celi, che secondo me dava anche un po’ di lustro al cast artistico.(Ray Lovelock).

– Adolfo Celi era un attore straordinario, forse l’unico attore che quando lo chiamai per questo film si presentò a casa mia per dire: “Ecco, Deodato, mi metto nelle sue mani, mi dica quello che devo fare, come vuole il personaggio”. E’ stato veramente una persona squisita e un collaboratore grandissimo. (Ruggero Deodato).

– Ho avuto anche Renato Salvatori: forse l’unica cosa che non aveva era la voce, perché veniva sempre doppiato e io non lo sapevo. Anzi, quando lo chiamai per venire al doppiaggio lui si arrabbiò un po’, pensava che io lo prendessi in giro… (Ruggero Deodato).

– Silvia Dionisio addirittura l’ho conosciuta nel 1964. Fummo presi per fare i figuranti, insieme ad altri quattro o cinque ragazzini e ragazzine, nel film Darling di John Schlesinger. Mi ricordo che andavamo all’Hotel Parco dei Principi a Roma perché là c’era Schlesinger che selezionava i ragazzini che dovevano fare i figli di un principe toscano che si sposa con Julie Christie. Siamo stati quindici giorni a Firenze a girare. Fra l’altro eravamo rimasti in contatto, ci siamo frequentati, ho conosciuto la sorella, la mamma, il papà, si sono conosciuti con mia madre; c’è stato un periodo in cui ci siamo un po’ frequentati; poi ci siamo persi di vista e ci siamo incontrati ancora sul set di “Uomini si nasce, poliziotti si muore”. (Ray Lovelock).

– Sofia Dionisio forse è un’attrice mancata, nel senso che tra le due sorelle quella che aveva più voglia di fare l’attrice era lei. Invece Silvia è stata più un’imposizione della madre perché era la più carina della famiglia, sin da piccola le facevano fare le sfilate di moda e forse lei era più restia. Penso infatti che lasciò il cinema proprio per questo, perché era stufa dell’imposizione, non accettava compromessi di nessun genere. Mi ricordo che quando iniziava a lavorare la prima cosa che diceva era: “A che ora finisco?”, così poteva ritornare dal marito e dai figli. Però era un animale molto strano, perchè nella vita era molto sciatta, come una persona qualunque…Mi ricordava Ingrid Bergman, perché anche lei era così. (Ruggero Deodato).

– Se non sbaglio, in Italia ancora dovevano essere messi in onda i famosi “Starsky e Hutch”; non ho mai saputo, perché non lo chiesi all’epoca, se la scelta di fare questa coppia – uno moro e uno biondo – era venuta a qualcuno che, caso mai, andando in America, avesse visto questa serie di telefilm e avesse cercato di fare una sorta di imitazione… (Ray Lovelock)

– Il seguito del film penso sia naufragato per molteplici motivi. Uno, forse, il disaccordo tra i due agenti dei rispettivi attori; l’altro, il disaccordo dei due produttori, perché uno predicava la mia candidatura per il prossimo film; l’altro , invece, più presuntuoso, pensava di farlo lui il regista, tant’è vero che poi fece un film, “L’avvocaticchio” come regista, che non uscì per niente e rimpiansero il fatto di non avermi chiamato. (Ruggero Deodato).

Uscite all’estero

Italy 11 March 1976
West Germany 3 September 1976
UK 30 January 1977
Ireland 25 February 1977
Japan 11 June 1977
Sweden 6 March 1978
Portugal 4 April 1980

Titoli all’ estero

Spain Brigada anticrimen
Spain (informal literal title) Hombre se nace, policía se muere
Finland Kylmät tyypit, kuumat raudat
UK (theatrical title) Live Like a Cop, Die Like a Man
UK (video title) The Terminators
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title) Motosyklettistes enantion tis mavris symmorias
Hong Kong (Cantonese title) Ha yat jui wan cheung
Hong Kong (English title) Summertime Killer Part II
Hong Kong (Mandarin title) Xia ri zhui hun qiang
Ireland (English title) Live Like a Cop, Die Like a Man
Japan (English title) Vanishing
Netherlands (video title) Het recht in eigenhand
Norway Live Like a Cop, Die Like a Man
Peru Hombre se nace, policía se muere
Poland Zyj jak glina, zgin jak mezczyzna
Portugal (Portuguese title) Os Exterminadores
Sweden Iskalla typer på heta bågar
USA Live Like a Cop, Die Like a Man
West Germany Eiskalte Typen auf heißen Öfen

Locations

 

 

S.A.F.A. Palatino Studios, Rome, Lazio, Italy

Rome, Lazio, Italy

il luogo in cui i due protagonisti ricevono una telefonata da Proietti (Corazzari) è all’EUR in Viale America a Roma:

uoms1-min

 

 

 

 

 

(fonte davinotti http://www.davinotti.com)

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]
Story
1
Actors
1
Music
1
Director
1
Average
  Loading, please wait yasr-loader
Titolo originale Uomini si nasce poliziotti si muore
Lingua originale inglese
Paese di produzione Italia
Anno 1976
Durata 98 min
Genere poliziesco
Regia Ruggero Deodato
Soggetto Fernando Di Leo,
Alberto Marras,
Vincenzo Salviani
Sceneggiatura Fernando Di Leo
Produttore Alberto Marras,
Vincenzo Salviani
Casa di produzione C.P.C. Città di Milano
Fotografia Guglielmo Mancori
Montaggio Gianfranco Simoncelli
Effetti speciali Rémy Julienne
Musiche Ubaldo Continielli
Scenografia Franco Bottari

Interpreti e personaggi

Marc Porel: Antonio
Ray Lovelock: Alfredo
Silvia Dionisio: Sonia
Renato Salvatori: Roberto Pasquini
Adolfo Celi: capo del corpo speciale della polizia
Franco Citti: Ruggero, detto “Er Cane”
Alvaro Vitali: portiere
Marino Masé: Rick Conti
Sergio Ammirata: sergente
Bruno Corazzari: Proietti
Daniele Dublino: poliziotto corrotto
Sofia Dionisio: Lina Pasquini
Margherita Horowitz: Mona
Ruggero Deodato (non accreditato): uomo fuori dalla banca

Doppiatori originali

Manlio De Angelis: Antonio
Cesare Barbetti: Alfredo
Giuseppe Rinaldi: Roberto Pasquini
Vittoria Febbi: Sonia
Ferruccio Amendola: Ruggero, detto “Er Cane”
Vittorio Stagni: portiere
Michele Gammino: Rick Conti
Luciano De Ambrosis: Proietti
Gianfranco Bellini: poliziotto corrotto

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest