Uomo avvisato mezzo ammazzato…

Uomo avvisato mezzo ammazzato… parola di Spirito Santo è un film del 1972, diretto da Giuliano Carnimeo.

Trama

Il pistolero Spirito Santo possiede la mappa di una miniera d’oro, dalla quale, però – conseguenza di un colpo di pistola – manca proprio l’indicazione risolutiva. Partito in cerca delle persone in grado di completare le sue informazioni, egli libera dalle mani di alcuni rivoltosi il presidente don Firmino – rovesciato dal generale Ubarte, che ha preso il suo posto – e sua figlia Juana.

L’uomo, però, non ricorda più dove si trovi la miniera; mirando sempre al suo scopo, Spirito Santo si lascia convincere dalla figlia di don Firmino, che è un’accesa rivoluzionaria, a porsi alla testa degli uomini che vogliono rovesciare Ubarte.

Avendo al proprio fianco il forzuto Carezza, un ex malvivente apparentemente convertito alla setta dei mormoni, egli comincia, dopo una regolare dichiarazione, la guerra contro Ubarte, nella quale raccoglie un successo dopo l’altro. Vista la mala parata, il generale – che ha avuto modo, nel frattempo, di sfruttare appieno la miniera di Spirito Santo – decide di filarsela, portando con sé tutto l’oro accumulato.

Penetrato nel suo quartier generale, Spirito Santo manda a monte il piano di Ubarte, ma trova, nei sacchi che avrebbero dovuto contenere l’oro, soltanto piombo. Sapendo a chi attribuire l’inganno, affronta l’infedele braccio destro di Ubarte, ammazza sia lui che i suoi fratelli e, mentre Juana e il padre festeggiano la vittoria della loro causa, s’allontana con l’oro, dopo avere evitato che a impadronirsene fosse l’infido Carezza.

 

Commento

Il film è un divertente spaghetti western con un sacco di esplosioni, sparatorie e gags divertenti. Questa volta il nuovo eroe è chiamato Spirito Santo (John Garko) vestito di bianco (anche se Sartana è vestito di nero), e possiede un arma da fuoco precisa e rapida per affrontare un potente tiranno.

Il pistolero Spirito Santo possiede la mappa di una miniera d’oro, dalla quale, però – conseguenza di un colpo di pistola – manca proprio l’indicazione risolutiva e l’unica persona che conosce la posizione è in carcere a Morelos (Messico) arrestato dal generale spietato Ubarte (Poldo Bendandi). “Spirito Santo” unisce le forze con una bellissimo rivoluzionaria messicana (Pilar Velazquez), il suo simpatico padre (Jorge Rigaud) e un pugile truffatore (Chris Huerta) per rovesciare il malvagio che schiavizza i poveri connazionali. Il confronto sarà inevitabile tra il crudele despota, un assassino cattivo (Paolo Gozlino) e, naturalmente, Spirito Santo.

Il western europe sta esaurendo un po le idee; tuttavia, è ancora abbastanza divertente. Spirito Santo è un altro eroe nello spaghetti western, come Sabata (Lee Van Cleef), Sartana (Gianni Garco) o Cuchillo (Tomas Milian). Il personaggio Spirito Santo ha notevole rassomiglianze con quello di Sartana. Spirito Santo ha parecchie frecce al suo arco (come James Bond) e un sacco di trucchi nella stessa maniera del precedente Sabata.

Questa pellica ha le note umoristiche della parodia western unite alle caratteristiche degli Spaghetti western, come gli antieroi avidi, i violenti da affrontare, gli zoom veloci, ed i cattivi esagerati, tra questi coloro che erano i caratteristi abituali nel genere western italiano e nei peplum, come Nello Pazzafini, Franco Pesce, Carlo Gaddi, Goffredo Unger e Rick Boyd. Essendo una coproduzione spagnola / italiana, mostra diversi attori spagnoli come Chris Huerta, Jorge Rigaud, Cesar Ojinaga e Victor Israel.

Piacevole la colonna sonora di Bruno Nicolai, il consueto collaboratore di Ennio Morricone, piena di suoni e fischi gutturali. Cinematografia piena di atmosfere del buon cameraman Miguel Mila e le scenografie di Jaime Pérez Cubero e José Luis Galicia.

Ottima la regia di Giuliano Carmineo o Anthony Scott. Fenomenale la colomba.

This exciting picture displays Western noisy action , gun-play , fun situations and bits of humor. The film gets the comic remarks from Western parody united the features of typical Spaghetti . Offbeat Western comedy with a hero named Spirito Santo / Holy Ghost / Hawk / or Falcon who looks exactly like Sartana . ¨His name was Holy ghost¨ is an amusing SW with lots of mayhem , crossfire and funny incidents ; however , being slightly mediocre . This time the new hero is named Holy Ghost (John Garco) dressed in white (though Sartana is dressed in black) , he is a tidy and rapid gunfighter to face off a powerful tyrant . At the beginning he wins a mine in a poker game . However , the scroll is damaged and the only person who knows the location is in prison and locked in Morelos (Mexico) by the ruthless general Ubarte (Poldo Bendandi) . ¨Holy Ghost¨ join forces with a beautiful Mexican revolutionary (Pilar Velazquez) , her likable father (Jorge Rigaud) and a chubby swindler boxer (Chris Huerta) to overthrow the ominous ruler who enslaves the poor countrymen . The resourceful , elegant hero , freelance gunman , named Spirito Santo appears to chase nasty gunfighters and to dethrone the heinous leader , as well as to find his golden mine . The confrontation will be inevitable between the cruel despot , a villainous murderous gunslinger (Paolo Gozlino) and , of course , Holy Ghost.

This first movie on ¨Holy Ghost¨ character starred by Gianni Garco is plenty of action , shootouts, tongue-in-cheek , double-crosses , twists and loads of shots . The movie is running out of ideas a bit ; nevertheless , it is still good enough to be fun . ¨Holy Ghost¨ is another hero of second class in the S.W. genre as Sabata (Lee Van Cleef) , Sartana (Gianni Garco who continues his similar role again) or Cuchillo (Tomas Milian) . ¨Holy Ghost¨ character bears remarkable resemblance to Sartana . Spirito Santo is a two-fisted and tough gunfighter with technical weaponry (like a Western James Bond) and a lot of tricks similarly to previous Sabata . This bewildering picture gets the humorous remarks from Western parody combined to features of Spaghetti . The movie gets the usual Italian Western issues , such as greedy antiheroes , violent facing off , quick zooms , exaggerated baddies , among them . It appears ordinary secondary actors who are habitual in Italian Western and Peplum genre , such as : Nello Pazzafini , Franco Pesce , Carlo Gaddi , Goffredo Unger , and Rick Boyd . Being a Spanish/Italian co-production , it shows up several Spaniard players as Chris Huerta , Jorge Rigaud , Cesar Ojinaga and Victor Israel .

Enjoyable musical score by Bruno Nicolai , Ennio Morricone’s usual collaborator , full of guttural sounds and whistles . Atmospheric cinematography by the good cameraman Miguel Mila and adequate set decoration by regulars , Jaime Pérez Cubero and José Luis Galicia . The picture was middlingly directed by Giuliano Carmineo or Anthony Scott , who directed Westerns with Spaghetti-hero named Sartana , usually played by Gianni Garco in the title role . Giuliano Carmineo , alias Anthony Ascott, directed various Sartana with George Hilton who replaces Gianni Garco , as Hilton played more natural and roguish than Garco who was cold and peculiar .

Curiosità

Uscite all’ estero

Italy 30 March 1972
West Germany 29 August 1972
Sweden 5 August 1973
Finland 9 January 1976

Titoli all’ estero

Blazing Guns
Forewarned, Half-Killed… the Word of the Holy Ghost
They Call Him Holy Ghost
Brazil Espírito Santo, O Justiceiro
Spain El halcón de Sierra Madre
Spain Y le llamaban El Halcón
Finland Gringo nimeltä ‘Pyhä Henki’
Greece (transliterated ISO-LATIN-1 title) Kormia pou stazoun aima
Sweden Mannen utan namn – han kallades Holy Ghost
USA His Name Was Holy Ghost
West Germany Ein Halleluja für Spirito Santo
West Germany (reissue title) Zwei wie Blitz und Donner
Yugoslavia (Serbian title) (literal title) Ime mu je bilo Sveti Duh

Locations

 

 

Vota la recensione
[Total: 1 Average: 5]

 

Story
3
Actors
3
Music
3
Director
3
Average
  Loading, please wait yasr-loader

 

 

Uomo avvisato mezzo ammazzato… parola di Spirito Santo
Lingua originale italiano
Paese di produzione Spagna, Italia
Anno 1972
Durata 94 min
Genere western
Regia Giuliano Carnimeo
Soggetto Tito Carpi
Sceneggiatura Tito Carpi, Federico De Urrutia
Produttore Luciano Martino
Produttore esecutivo Luciano Martino
Casa di produzione C.C. Astro, Lea Film
Distribuzione (Italia) Indipendenti Regionali
Fotografia Miguel Fernández Mila
Montaggio Ornella Micheli
Musiche Bruno Nicolai
Scenografia Jaime Pérez Cubero
Costumi José Luis Galicia

Interpreti e personaggi

Gianni Garko: Spirito Santo
Víctor Israel: Prete
Poldo Bendandi: Generale Ubarte
Cris Huerta: Carezza
Jorge Rigaud: Don Firmino
Pilar Velázquez: Juana
Paul Stevens: Samuel Crow
Nello Pazzafini: il colonnello
Fortunato Arena: Matadodos
Aldo Barberito: Frate John
Carlo Gaddi: Fiesta
Franco Pesce: il dottore
Rick Boyd: Burt Crohn
Pietro Ceccarelli:
Pasquale Coletta:
Dada Gallotti: Mae
Tomas Rudy: un ufficiale di Ubarte

Doppiatori italiani

Sergio Graziani: Spirito Santo
Carlo Romano: Prete
Bruno Persa: il generale Ubarte
Gualtiero De Angelis: Don Firmino
Rita Savagnone: Juana
Luciano De Ambrosis: Samuel Crow
Cesare Polacco: il colonnello
Enzo Tarascio: Matadodos
Stefano Sibaldi: il dottore
Gianfranco Bellini: Burt Crohn
Flaminia Jandolo: Mae
Gianni Marzocchi: un ufficiale di Ubarte

 

FOTO E POSTERS

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest